squadra Mobile

ciro palumpo, piazza pulita, squadra mobile

Piazza pulita

La Squadra Mobile arresta l’agente infedele che favoriva i corrieri della cocaina: “Tu non sei un poliziotto”

Ciro Palumbo, 61 anni, napoletano, aveva riconsegnato pistola e distintivo poco meno di due anni fa con il pensionamento. Gli uomini della questura di via Tiberio lo hanno arrestato nell'ambito dell’inchiesta “Piazza Pulita” su delega della Distrettuale antimafia. Il 61enne, meravigliato dall'irruzione della polizia di Campobasso nella sua abitazione di Rione Sanità ha provato, come sempre, a far leva sull'uniforme che aveva indossato: è stato rapidamente zittito e sottoposto a tutte le procedure di rito

Funerale rom Campobasso covid

Campobasso - il punto sull'inchiesta

I giorni del contagio rom, non solo corteo: indagini per epidemia colposa stringono il cerchio sul via vai a casa del defunto in pieno lockdown

Non solo l'assembramento in via Liguria, il mancato tampone post mortem e l'ipotesi di falle nei controlli. C'è anche, all'attenzione della Mobile, il via vai a casa del defunto per un ultimo saluto e poi le condoglianze alla famiglia. Il punto sul contagio interno alla comunità due settimane dopo il primo caso di infezione da covid registrato quando una giovane donna è stata ricoverata nel reparto di Malattie Infettive dell’ospedale Cardarelli. I positivi al nuovo coronavirus sono attualmente 92. Tra questi anche il fratello del deceduto il 30 aprile e dipendente del Comune di Campobasso. Mentre la Squadra Mobile continua le indagini, emergono nuovi elementi sull’accaduto e sui controlli in via Liguria presidiata dalle 9 alle 11 dai vigili urbani.

Funerale rom Campobasso covid

Le verifiche e i controlli

Chi c’era al corteo funebre? Chi è andato a dare le condoglianze, anche da altri comuni? Indagini in corso, multe a rom ma non solo

Sarebbero stati numerosi a recarsi presso la famiglia del defunto per porgere le condoglianze. Rom, principalmente, ma anche persone non di etnia rom, molisani in generale e campobassani. Potrebbero aver contratto il virus? Se da un lato la Asrem sta svolgendo una indagine a tappeto, la polizia si sta occupando di ricostruire puntualmente l’accaduto schedando uno per uno i cittadini che hanno preso parte all’assembramento nonché quanti hanno avuto contatti ravvicinati con i rom nei giorni del lutto e in quelli successivi, e oggi potrebbero essere portatori di contagio.