Il bollettino

4 dicembre – 4 decessi e altrettanti ricoveri. Tasso di positività quasi al 14%. E il Molise ha l’Rt più alto d’Italia

Sono 4 i decessi delle ultime 24 ore: 2 in ospedale, 1 in casa di riposo e 1 di un'anziana a casa. I ricoveri sono 4 ma ci sono 6 dimissioni dall'ospedale. Alto il numero dei positivi: 152 su 1100 test per un tasso di positività del 13.8%. E arrivano brutte conferme dall'iss che nel suo monitoraggio (11-24 novembre) ha rilevato che l'Rt molisano è il più alto d'Italia, sebbene la tendenza generale sia a decrescere

“I nostri cari morti di Covid privati della dignità”. Nasce il Comitato Vittime, che chiede verità: “Chi ha sbagliato deve pagare” foto

Iacovino zoom

Testimonianze e diffide

Pazienti covid “morti di stenti”, il comitato denuncia l’inferno in ospedale e prepara la richiesta di accesso agli atti

L’associazione che unisce i familiari delle persone morte col covid al Cardarelli, che ha già raggiunto oltre venti partecipanti, è determinata a ottenere la verità. Cosa è accaduto ai loro cari? Annunciata dall’avvocato Vincenzo Iacovino l’imminente richiesta di accesso agli atti per ricostruire le drammatiche storie di molisani deceduti: “Sono venute meno assistenza e condizioni di ricovero umanamente adeguate”. Sotto accusa anche i dati epidemiologici inviati a Roma.

“I nostri cari morti di Covid privati della dignità”. Nasce il Comitato Vittime, che chiede verità: “Chi ha sbagliato deve pagare” foto

Campobasso Luigi Greco capo Polizia Municipale vigili

Novità clamorose

Stalking e abuso d’ufficio, rinviato a giudizio il nuovo comandante dei vigili di Campobasso

Luigi Greco, che si è insediato nel capoluogo molisano lo scorso 1 dicembre dopo aver vinto una selezione pubblica voluta nei mesi scorsi dall'amministrazione comunale guidata da Roberto Gravina, dovrà comparire davanti al giudice il prossimo 19 febbraio nella prima udienza del processo che lo vede coinvolto. La vicenda è iniziata dopo che una vigilessa lo ha querelato nel 2017. Il giudice del Tribunale di Castrovillari ne ha riconosciuto "la condotta oppressiva e prevaricatoria".

PNsport