Quantcast

2 marzo – 120 positivi, casi in aumento a Isernia e Agnone. Altre 2 vittime, Terapie Intensive al completo

Tasso di positività al 9,3%, con 120 nuovi casi su 1291 tamponi molecolari eseguiti. Crescono i focolai a Isernia e Agnone, continuano ad andare male i dati di Termoli (oggi + 18). Ancora critica la situazione dei ricoveri (+ 7) e le Terapie Intensive al massimo della capienza (14 occupate al Cardarelli e 5 al Neuromed). 2 i decessi, 2 donne di 95 e 78 anni residenti a Campobasso e Santa Croce di Magliano, dove i numeri sono drammatici.

DUE VITTIME IN MALATTIE INFETTIVE, TOTALE A 373

Sono due i decessi di persone malate di covid-19 nelle ultime 24 ore in Molise. Il bollettino dell’Asrem ne riporta tre, ma la donna di 73 anni di Termoli deceduta nella Terapia intensiva del Neuromed è la maestra Matilde Dattoli, deceduta in realtà nella giornata di lunedì e della quale Primonumero aveva già dato notizia nel bollettino di ieri.
Le due persone che hanno perso la vita oggi erano entrambe ricoverate nel reparto di malattie infettive dell’ospedale Cardarelli di Campobasso. Sono una donna di 78 anni di Santa Croce di Magliano e una 95enne di Campobasso. A questo triste bilancio vanno aggiunte, per dovere di cronaca, due persone che hanno perso la vita fuori regione nella serata di ieri. Si tratta di pazienti molisani deceduti rispettivamente a Roma e a Foggia. Il bilancio dei decessi in Molise tocca quindi quota 373 dall’inizio dell’epidemia.

DUE DECEDUTI IERI FRA I TRASFERITI FUORI REGIONE

Due molisani in ospedale fuori regione sconfitti dal virus: muoiono un 62enne e un 73enne

IL VIRUS TRAVOLGE LA PROVINCIA PENTRA: +23 POSITIVI A ISERNIA, SI ALLARGA IL CLUSTER DI AGNONE

E’ nerissima la fotografia sui nuovi contagi che oggi (2 marzo) fornisce l’azienda sanitaria regionale nel consueto bollettino. Mentre il tasso di positività torna a crescere (9.3%), il virus travolge la provincia di Isernia come era nelle previsioni delle autorità sanitarie che per questo hanno chiesto al Ministero della Salute di firmare l’ordinanza che dichiarava la zona rossa in tutto il Molise.
In totale nella nostra regione sono state rilevate 120 nuove infezioni da Sars-Cov-2 su 1291 tamponi processati nelle ultime 24 ore. Ci sono 23 casi in più a Isernia, mentre si allarga il cluster di Agnone (+16) dove i positivi complessivi sono più di 110. Nel mezzo ci sono i 18 contagi rilevati a Termoli.
Seguono Campobasso (7), Belmonte del Sannio e Larino (rispettivamente 5), Riccia (4).
Tre positivi sono stati rilevati a Guglionesi, San Martino in Pensilis e Vinchiaturo.
Ad Acquaviva d’Isernia, Bojano, Limosano, Macchiagodena, San Giacomo degli Schiavoni, Venafro ci sono 2 positivi in più.
Il virus si allarga a macchia d’olio e sono numerosi i centri dove è stato accertato un contagio: Busso, Campomarino, Carovilli, Castropignano, Colletorto, Ferrazzano, Jelsi, Montaquila, Oratino, Petrella, Ripalimosani, Roccasicura, San Giuliano di Puglia, San Pietro Avellana, Santa Croce di Magliano, Spinete, Toro, Trivento, Tufara, Vastogirardi.

CONTAGIATO ANCHE BIMBO DI 15 MESI

Infine, ha provocato sconcerto la notizia diffusa oggi sui social dalla sindaca di Pozzilli Stefania Passarelli relativa al contagio di un bimbo di soli 15 mesi: “La variante sta infettando anche i bambini e se (come sembra ormai dimostrato almeno per la variante inglese) le varianti di coronavirus sono più contagiose, non sorprende che i casi di Covid-19 aumentino anche in queste fasce d’età”.

RICOVERI ANCORA ALTI (OGGI +7), TERAPIE INTENSIVE MOLISE AL COMPLETO (19)

Restano altissimi i numeri dei ricoveri nei 4 ospedali molisani dove si trovano pazienti con sintomi gravi da covid-19. Ben 81 le persone al Cardarelli, 67 nelle malattie infettive e 14 nella terapia intensiva, che ha raggiunto anche oggi la massima capienza. Si è reso infatti necessario un trasferimento in quella del Neuromed, dove i posti occupati sono 5, in sostanza quasi tutte le postazioni salvavita messe a disposizione dall’Istituto di ricerca e cura di Pozzilli, dove ci sono altri 4 pazienti nella sub intensiva.

9 le persone che stanno lottando contro il virus al Gemelli Molise e 14, secondo il dato ufficiale della Asrem, al San Timoteo di Termoli dove però ci sono altre persone in attesa di ricovero nell’aria grigia allargata al quarto piano dove c’era il reparto di Urologia.

7 i ricoveri di oggi: 6 nelle Malattie infettive del Cardarelli dove sono stati trasferiti cittadini da Agnone, Macchiagodena, Montelongo, Montorio nei Frentani, Trivento e Termoli. Una persona è stata invece ricoverata da Guglionesi al San Timoteo di Termoli. Due persone sono state trasferite da Infettive a Intensiva (Campobasso) e dalla Terapia intensiva del Cardarelli a quella del Neuromed (Santa Croce di Magliano).

Infine due le dimissioni, entrambi dal Gemelli Molise (Scapoli e Termoli).

OSPEDALE SAN TIMOTEO ALLO STREMO

L’ospedale San Timoteo di Termoli è allo stremo delle forze nella cura dei malati con covid-19. Nella giornata di oggi 2 marzo si è toccato il record di 22 ricoverati con l’infezione. Ben 13 i posti letto occupati in quello che era il reparto di Urologia è che è stato trasformato in una sorta di area grigia con pazienti positivi al Sars-cov 2. Altri 9 invece – dato aggiornato alla mattina di oggi – nel reparto di Medicina d’urgenza, anch’esso trasformato in ala covid.

Molto probabili nuovi trasferimenti fra la serata di oggi e domattina. Nel frattempo l’ospedale da campo realizzato in pochissimi giorni dalla Croce Rossa non è stato ancora attivato per mancanza di personale e perché l’azienda sanitaria regionale del Molise non ha ancora deciso l’utilizzo nei dettagli della struttura. Due carenze che impediscono quindi il trasferimento di altri malati affetti da diverse patologie così da poter dare respiro alle attività dello stesso San Timoteo.

Santa Croce, i numeri dell’inferno: 10 morti in 2 mesi, 10 ricoverati gravi, 152 positivi. Manca l’ossigeno per le cure a casa

A TERMOLI UN TERZO DEI GUARITI DI OGGI

Una buona notizia per Termoli riguarda il numero di guariti comunicati oggi, che sono 14 su un totale di 42 in tutta la regione, praticamente un terzo. Da segnalare anche le 9 guarigioni a Campobasso. Il totale dei pazienti guariti dall’inizio dell’epidemia è ora di 8.680.

bollettino covid 2 marzo

I DATI NAZIONALI

Sono 17.083 i contagi accertati nelle ultime 24 ore in Italia dal Ministero della Salute a fronte di 335.983 test (tamponi molecolari e antigenici) effettuati, con un tasso di positività del 5,1%. Ieri erano stati rilevati 13.144 contagi a fronte di 170.633 test e il tasso era pari al 7,7%. Le vittime oggi sono 343 mentre ieri erano state 246.

Ancora in crescita i ricoveri in terapia intensiva, oggi di 38 unità (ieri +58). E salgono, di ben 458 unità, anche quelli nei reparti Covid ordinari (ieri +474).

È attivo il canale Telegram di Primonumero.it. Unisciti al nostro Canale per essere sempre aggiornato sulle news.