Quantcast

Il Molise zona gialla-arancione, Toma fa ordinanza per abbassare indice contagio. Scuola, trasporti, Natale: ecco cosa cambia

Sarà firmato nelle prossime ore ed entrerà in vigore mercoledì 9 dicembre il provvedimento con cui il presidente della Regione Molise introdurrà nuove restrizioni per diminuire l'indice di contagio. Per 15 giorni lezioni on line anche alle medie, mentre sono in corso le valutazioni per le elementari. Limitazioni ai trasporti pubblici e privati. Il governatore spiega: "Dobbiamo ridurre i contatti sociali, ma l'ordinanza non riguarderà le attività commerciali".

Nel giro di due settimane dobbiamo abbassare l’indice Rt e l’unico modo per farlo è ridurre i contatti sociali“. Il governatore Donato Toma spiega a Primonumero uno dei motivi fondamentali alla base della nuove restrizioni che entreranno in vigore nelle prossime ore: saranno contenute in un’ordinanza ad hoc che il presidente sta finendo di limare in queste ore, proprio quando lo raggiungiamo telefonicamente, e che sarà in vigore per 14 giorni a partire da mercoledì 9 dicembre.

Ieri l’Unità di crisi che lo stesso Toma ha convocato ha suggerito delle limitazioni per evitare che il Molise cambi colore nella mappa del rischio ‘disegnata’ dal ministro della salute che settimanalmente, sulla base del monitoraggio dell’andamento dell’epidemia, assegna alle varie regioni italiane un colore. La nostra è una delle regioni “gialle”, a rischio moderato. Ma potrebbe diventare “arancione” – ossia a rischio intermedio – che la curva dei contagi non si dovesse abbassare, oltre al fatto che preoccupa anche l’alto numero di decessi (cinque sono stati registrati nelle ore) e dei ricoveri.

E’ in questo contesto che si inserisce la nuova ordinanza con cui Toma limiterà la didattica in presenza nelle scuole per i prossimi quattordici giorni e introdurrà restrizioni agli spostamenti e ai trasporti sia pubblici che privati. In quest’ultimo caso, ad esempio, il capo della Giunta regionale sta pensando di inserire nel provvedimento una norma per imporre che in auto si viaggi in due, massimo tre persone.

Sarà aumentata la didattica a distanza ed evitare che i ragazzi vadano a scuola“, sottolinea Toma. Le lezioni on line riguarderanno non solo gli studenti delle superiori, ma anche quelli delle medie. “Sto valutando la dad anche per le elementari, mentre sarà esclusa la scuola dell’infanzia”.

Capitolo trasporti. “Si potranno utilizzare gli autobus solo per motivi di lavoro, salute o di necessità. E anche nelle auto private si dovrà evitare il sovraffollamento, si potrà viaggiare in 2 o 3 persone, stiamo ancora ragionando su questo”.

L’ordinanza non riguarderà le attività commerciali (ad esempio, non sarà imposta nessuna chiusura anticipata dei negozi) nè saranno limitati gli spostamenti tra i Comuni, ma coinvolgerà i molisani che nei prossimi giorni rientreranno a casa per le festività di Natale. “Chi rientra da fuori dovrà effettuare un tampone da qualsiasi regione rientri, di qualsiasi colore sia”, aggiunge Toma. “Dobbiamo ridurre il contagio, abbiamo un Rt elevato. La nostra ordinanza sarà simile a quelle in vigore nelle regioni arancioni”.

Il provvedimento sarà in vigore fino al 23 dicembre.