Quantcast

Macellazione del maiale a casa, Toma concede una deroga. Ancora tampone o quarantena per chi rientra da fuori regione

I sindaci possono decidere se autorizzare o meno la macellazione in masserie private dando inoltre disposizioni anti assembramenti. Confermate restrizioni per trasporti e spostamenti

Il presidente della regione Molise Donato Toma ha concesso una deroga sul divieto di macellazione dei suini a domicilio. Infatti con nuova ordinanza ha disposto di dare facoltà ai sindaci di autorizzare la macellazione domiciliare di animali suini solo dopo accertamento della compatibilità dello svolgimento dell’attività con l’andamento della situazione epidemiologica e impartendo specifiche disposizioni per assicurare il distanziamento interpersonale ed evitare eventuale assembramenti.

Nelle scorse settimane il divieto di macellazione suina in abitazioni o masserie private aveva scatenato diverse polemiche fra la popolazione per quella che è una tradizione secolare della nostra regione. Il divieto, che va ricordato è per la macellazione privata a casa e non in specifiche aziende, era stato imposto perché in alcuni casi sono stati registrati assembramenti e conseguenti focolai di coronavirus legati proprio all’uccisione del maiale.

Nella stessa ordinanza, la numero 8 del 31 gennaio, il presidente Toma ha prorogato fino al 14 febbraio l’efficacia delle disposizioni riguardanti il trasporto pubblico la mobilità intraregionale, l’assembramento in particolare i luoghi pubblici.

studenti assembramenti terminal bus termoli

Per quanto riguarda i trasporti l’ordinanza prevede infatti che si possono utilizzare i mezzi pubblici soltanto per motivi di stretta necessità oppure legati al lavoro o salute. Resta inoltre la possibilità fornita ai sindaci di chiudere per determinate fasce orarie le piazze o le vie più frequentate dove possono verificarsi degli assembramenti.

Rimane inoltre l’obbligo di fare un tampone nelle 72 ore precedenti o appena dopo il rientro per chi arriva in Molise dopo aver soggiornato per almeno 48 ore fuori regione. L’alternativa è quella di fare 10 giorni di quarantena.

 

È attivo il canale Telegram di Primonumero.it. Unisciti al nostro Canale per essere sempre aggiornato sulle news.