regione molise

turismo molise

La riflessione

Dal Covid alla riscoperta del Molise in un’estate: bellezza e tradizione per sancire il riscatto

Gli sviluppi della pandemia e il timore di nuovi contagi hanno suggerito un atteggiamento prudente ai turisti molisani, pronti a spendere le proprie ferie tra riserve naturali, spiagge e momenti locali, evitando così mete estere o extra-regionali. Una vera e propria “immersione” tra le ricchezze paesaggistiche della nostra terra, il possibile preludio per nuove consapevolezze. Il viatico per la ripresa: sociale, economica, spirituale.

Lidi Campomarino

Campomarino

La stagione balneare chiude tra le polemiche: lidi smantellati nell’ultimo weekend estivo e turisti arrabbiati fotogallery

Nemmeno la crisi economica ha invogliato i gestori a prolungare le attività. Spiagge deserte, ombrelloni rimossi e lidi chiusi: una brutta sorpresa per chi ieri - 19 settembre - si è recato a Campomarino per trascorrere una giornata al mare. "E' assurdo, in questa regione non cambierà mai niente", lo sfogo di alcuni campobassani. "Anche alcuni turisti del Nord sono disperati: hanno affittato una casa ma si sono accorti che qui non c'è nulla, sono chiusi anche i negozi". 

Sfalcio erba tangenziale

Pubblica inutilità

Lavorano per i Comuni ma nessuno li paga, 500 persone senza stipendio. Lettera di 40 sindaci contro la Regione: “Incapaci”

Lettera di protesta di 40 amministratori comunali per sollecitare il governatore a far lavorare di più e meglio per i dipendenti regionali ritenuti responsabili del mancato pagamento degli stipendi ai lavoratori di pubblica utilità. Decine di disoccupati con famiglie a carico che per 500 euro al mese fanno manutenzione stradale e curano il verde pubblico vengono lasciati soli in un momento di difficoltà. "Toma segua più attentamente il lavoro della struttura regionale, stimolando alcuni istruttori e dirigenti ad una maggiore celerità e costante applicazione”.

soldi e cocaina

Quadro a tinte fosche

Molise, lo Stato si riprende 11 beni dalle mani della mafia. La commissione: “Col Covid aumentano estorsione e usura”

Il rapporto conclusivo della Commissione speciale regionale di studio del fenomeno della criminalità organizzata in Molise parla di “situazione variegata e che preoccupa”. Sul nostro territorio sono stati confiscati 11 beni nel solo 2019: da Venafro a Campomarino, passando per Campobasso, Vinchiaturo e Cantalupo. Il presidente Vittorio Nola: “Un anno e mezzo di lavoro fruttuoso che mette in rilievo le criticità sull’argomento. Droga, evasione fiscale, lavoro sommerso: qui le mafie trovano terreno fertile”. La proposta di legge sull’istituzione di un Osservatorio sulla Legalità è già in fase avanzata.