Quantcast

Scuole superiori, slitta rientro. Si torna ai colori con l’ipotesi Zona Bianca ma per il Molise è un miraggio

Slitta la riapertura delle scuole in attesa dei nuovi dati. Abbassata la soglia dell'indice Rt, il 7 e 8 gennaio riaprono bar e ristoranti ma sempre fino alle 18. Tutta Italia in zona arancione nel weekend del 9 e 10 gennaio

zone a colori

Ancora due giorni in zona rossa oggi e domani. Poi zona gialla rinforzata il 7 e 8 gennaio col rinvio della riapertura delle scuole e ancora zona arancione nel fine settimana del 9 e 10 gennaio. Ma per il prossimo futuro non ci sono certezze riguardo alle restrizioni contro il dilagare del contagio da coronavirus, dato che il Governo Conte ha varato un nuovo decreto in attesa del prossimo Dpcm previsto per la prossima settimana.

Il Governo, come previsto, ha deciso nella tarda serata di ieri 4 gennaio per una nuova stretta a causa di un gennaio che si annuncia particolarmente difficile, visto che i dati più recenti mostrano la possibilità di un nuovo aumento dei contagi.

La novità più importante riguarda il rientro a scuola. Dopo una discussione all’interno dell’Esecutivo, la mediazione ha portato al rinvio del rientro in classe per le scuole superiori dal giorno 11 gennaio e non più dal 7.

Ma non è detto che l’11 si rientri davvero in classe, perché dipenderà molto dai prossimi dati che arriveranno. Infatti soltanto le regioni che mostreranno dal monitoraggio di avere un indice RT particolarmente basso potranno far rientrare a scuola gli studenti degli istituti superiori. A questo proposito il Governo ha vagliato nuove soglie riguardo all’indice RT. Secondo i nuovi criteri infatti, quando una regione ha un indice di trasmissibilità pari a 1 entra in fascia arancione, se invece è pari a 1,25 entra in fascia rossa. La soglia è stata quindi abbassata in entrambi i casi di 0,25.

colori giorni grafica

Il nuovo decreto ha comunque sancito che nonostante il 7 e 8 gennaio tutta Italia sarà zona gialla, con negozi, bar e ristoranti aperti (gli ultimi due fino alle 18), resterà il divieto di spostamento fra le regioni. In attesa di capire quali saranno dall’11 gennaio le regioni rosse, quali arancioni e quali gialle, si sa già che dal 7 al 15 gennaio resterà la possibilità di andare a fare visita ad amici e parenti ma con il limite di una sola volta al giorno e nei limiti di due persone, e inoltre la possibilità di spostarsi dai comuni con popolazione non superiore a 5000 abitanti e per una distanza non superiore ai 30 km dai confini. Confermato il coprifuoco dalle 22 alle 5.

Resta al vaglio infine la possibilità di una cosiddetta zona bianca a partire da metà gennaio e che potrebbe riguardare quelle aree d’Italia dove l’indice RT è più basso. Se le indiscrezioni di stampa verranno confermate, nelle regioni in zona bianca potranno tornare ad aprire non solo bar e ristoranti ma anche cinema, musei, teatri e altre attività. A stabilirne la possibilità ancora una volta dovrebbe essere l’Rt e nel caso specifico solo quei territori dove è inferiore allo 0,5 potranno godere di questo allentamento delle restrizioni.

Il Molise difficilmente potrà essere zona bianca e anzi rischia delle restrizioni visto che l’ultimo dato disponibile sul Ministero della Salute mostra un indice RT di 1,05 per la nostra regione, secondo i dati che riguardano la settimana dal 21 al 27 dicembre. Bisognerà attendere i nuovi dati, probabilmente disponibili dal 7 gennaio, per capire la nuova colorazione delle varie regioni. Va ricordato che prima di Natale il presidente Toma aveva varato la cosiddetta ‘zona gialla plus‘ e bisogna capire quale sarà la nuova situazione dopo gli ultimi dati.