Quantcast

Viaggio nella terra bruciata di Guglionesi, la conta dei danni. E il pericolo non è alle spalle: tornano temperature roventi e garbino foto

La rabbia della popolazione ma anche l'impegno dei cittadini a ripiantare alberi dopo la devastazione del 1 agosto. Vigneti, oliveti, terreni distrutti e danni ingenti nel centro abitato, dove è arrivato il fuoco. Guglionesi conta i danni mentre i meteorologi annunciano una nuova ondata di caldo record con vento di garbino forte che potrebbe riproporre l'emergenza.

La vallata, vista dall’alto, è una visione gialla chiazzata di nero. Il belvedere, da sempre punto privilegiato per ammirare l’orizzonte sul Basso Molise con il suo fascino di colline ondulate e campi coltivati che si snodano verso il Biferno e fino al mare, è diventato suo malgrado un punto di osservazione triste, un balcone sul disastro.

Guglionesi bruciata danni conta dei danni Oliveti Vigneti campagna paesaggio incendio

Il fuoco ha mangiato più di 500 ettari, fagocitando oliveti, vigneti, campi coltivati, alberi da frutto e tutta la rigogliosa vegetazione che circonda il paese.

Un danno enorme anche per le abitazioni: sono 20 quelle inagibili, mentre lo storico palazzo Celli, dove le scintille spinte dal vento sono entrate facendo esplodere i fragili vetri delle finestre e hanno compromesso gli affreschi, è annerito e occhieggia sinistro sui curiosi che volgono lo sguardo in su.

Guglionesi è ancora impegnata nella conta dei danni, una conta drammatica fatta con uno stato d’animo di continua paura. Le previsioni meteo non aiutano e anzi, proprio oggi l’esperto Gianfranco Spensieri ha ricordato che è attesa tra la fine della settimana e l’inizio della settimana prossima una nuova ondata di caldo con valori quasi record e punte di 42 gradi nel basso Molise. In tutto questo si aggiunge il ritorno del vento di libeccio che diventa garbino sulla costa e che aumenta vertiginosamente il pericolo degli incendi.

Guglionesi bruciata danni conta dei danni Oliveti Vigneti campagna paesaggio incendio

Il danno è fatto, almeno qui, nel comune da 5200 residenti che per il terzo anno consecutivo soffre le conseguenze di incendi dolosi sempre più gravi che spingono la popolazione a valutare strumenti di difesa rispetto alla forza violenta del fuoco che dalla scarpata fa in fretta ad aggredire le abitazioni poste nella zona più alta.

Si pensa a soluzioni-tampone come gli idranti, da posizionare nella fascia di rischio, agganciati al serbatoio comunale che però, in estate, non è sempre una garanzia di riserva idrica essendo piccolo e dovendo fronteggiare una richiesta praticamente doppia.

Crisi idrica serbatoio Guglionesi

Alla rabbia per le perdite ingenti sia a livello economico che ambientale e agli appelli a trovare i colpevoli (l’incendio è doloso, è stato aperto un fascicolo in Procura) si unisce però anche la determinazione a fare qualcosa per il paese, che parte da cittadini esasperati dall’accaduto e sensibili al problema, come ci raccontano in questo video-reportage. Un filmato che mostra anche le drammatiche immagini della terra bruciata e il colpo d’occhio drasticamente cambiato rispetto a solo qualche giorno fa, che ha trasformato la collina di Guglionesi in una larga chiazza nera e arida, invasa dalla cenere e che ancora trasuda calore e puzzo di morte.