Murales per riqualificare il borgo e ricordare gli autori storici della Mascherata

Le opere di arte urbana realizzate dall'Associazione Malatesta faranno da cornice allo spettacolo popolare che si svolgerà domenica 23 febbraio, dalle ore 11, a Ripalimosani.

Opere di arte urbana e la grande tradizione della ‘Mascherata‘: questo il binomio che caratterizzerà l’edizione 2020 della manifestazione che chiude il Carnevale a Ripalimosani. Presentato dai ragazzi della Bottega della Mascherata, è un evento sentito, in grado di coinvolgere tutta la comunità che partecipa affinché lo spettacolo itinerante possa perfettamente riuscire.

‘A fèmmene kkiù bbèlle’ il titolo scelto dalle autrici Patrizia Di Nunzio e Martina Miriam Marrone.

Ripalimosani

Quest’anno a fare da cornice al corteo saranno i bellissimi murales realizzati dagli artisti dell‘associazione Malatesta che in questi giorni stanno riqualificando alcuni edifici del borgo antico di Ripalimosani. Le opere rappresenteranno chi ha dato un contributo importante alla manifestazione che ormai ha superato i confini del paese ed è seguita da centinaia di visitatori.

Ripalimosani

“L’idea dei murales – ha spiegato a Primonumero Stefania Di Nunzio, una delle organizzatrici dell’evento – nasce dalla volontà di rivalutare il borgo antico mettendo in risalto elementi cardine della tradizione del paese. Abbiamo iniziato da piazzetta san Michele (il ‘fosso’, come lo chiamano i ripesi) quale ‘posata’ (tappa, ndr) più sentita dell’intero corteo della Mascherata. Abbiamo coinvolto i Malatesta, in particolare l’artista Arkam, un ritrattista che si sta occupando dei tre ritratti che rappresenteranno le figure cardine della Mascherata, persone che non ci sono più, ma ci hanno lasciato un bagaglio musicale, canoro e artistico di grande rilievo”.

Tutto sarà pronto entro il 23 febbraio quando lo spettacolo popolare, goliardico e divertente, organizzato in collaborazione con la locale Pro Loco e il Comune, si snoderà tra le vie del paese. Prima tappa alle 11 in via San Rocco. Poi alle 12:30 il ritrovo è in piazza San Michele. Terza ‘posata’ alle ore 15 a Santa Lucia, infine piazzetta San Michele (nel centro storico). Alle 18:30 gran finale al Teatro Comunale. 

mascherata