Ambiente, il cambiamento parte dai piccoli: consegnate 300 eco-borracce nelle scuole fotogallery

Le iniziative all'istituto Montini di Campobasso e nel plesso di Vinchiaturo per sensibilizzare i bambini al rispetto dell'ambiente e ad abbattere l'uso della plastica.

“Quello che facciamo è soltanto una goccia nell’oceano, ma se quella goccia non ci fosse all’oceano mancherebbe”, diceva Madre Teresa di Calcutta. Il cambiamento inizia dal basso e passa attraverso l’educazione dei bambini. Una battaglia sempre più visibile nell’ambito della lotta per la difesa dell’ambiente, e soprattutto per la riduzione della plastica, che sta prendendo piede in Molise, e che vede scuole, amministrazioni ed associazioni impegnate ogni giorno.

Questo poi è stato l’anno in cui si sono accesi i riflettori sull’emergenza climatica: studenti protagonisti di numerose iniziative, in prima linea nel movimento “Fridays for Future”, nato in risposta all’attivismo di Greta Thunberg.

Dal capoluogo di regione ai paesi più piccoli, iniziative plastic-free, eco-feste, realizzazione di case dell’acqua del sindaco. E consegna di eco-borracce nelle scuole. Questa mattina (21 dicembre) a ricevere in regalo le borracce sono stati gli alunni delle elementari del plesso Mascione di Campobasso, presso la sede dell’Istituto Montini in Via Giovanniti.

Un regalo da parte dell’Associazione Nuova Scuola di Mascione – Gioca Impara Includi – presieduta da Salvatore Tronca. Si tratta di una delle prime iniziative della neo costituita associazione proprio per porre l’accento sulla problematica dell’uso eccessivo delle plastiche. Presenti alla consegna anche l’assessore all’ambiente, Simone Cretella, e il sindaco di Campobasso, Roberto Gravina. “La nostra presenza qui oggi – ha detto il primo cittadino ai bambini – è la testimonianza che ci siamo e che ci vogliamo essere”. Accanto a lui il dirigente scolastico, Agata Antonelli, soddisfatta per il lavoro con i piccoli alunni e per la scuola del quartiere CEP che la vede impegnata da venti anni.

“Quello di oggi – ha commentato l’assessore Cretella – è un gesto meraviglioso per l’ambiente. Voi oggi – ha detto agli alunni – avrete una borraccia che vi farà risparmiare mille bottiglie al mese, circa 9mila bottiglie in un anno e 45mila bottiglie in un ciclo scolastico. L’acqua di Campobasso è la migliore acqua di Italia, – quindi, – questo il monito per i bambini – invito voi e le vostre famiglie a bere l’acqua del sindaco”.

Le eco-borracce regalate ai bambini sono state confezionate con carta da riciclo. Un altro input per l’ambiente e per far capire ai bambini, come ha ricordato Cretella, che “non conta l’apparenza, bensì la sostanza”. “Come associazione – ha spiegato il componente del Consiglio direttivo dell’Associazione Nuova Scuola di Mascione, Cristiano Peschi – crediamo di aver seguito un percorso che ci piacerebbe si allargasse a macchia d’olio in tutta Campobasso”.

Nel capoluogo di regione cento borracce sono state già consegnate agli alunni dell’Istituto D’Ovidio a cura di Europe Direct Molise lo scorso 23 novembre. Lo stesso giorno è stata inaugurata la “Casa dell’acqua” presso Palazzo San Giorgio, nell’ambito delle iniziative per la Settimana europea per la riduzione dei rifiuti.

Ieri, invece, a lanciare il segnale per i bambini è stata l’amministrazione comunale di Vinchiaturo, guidata dal sindaco Luigi Valente, che ha regalato ben 270 borracce di alluminio agli alunni della materna, primaria e secondaria di primo grado del Comprensivo di Vinchiaturo. “Un lavoro in sinergia tra scuola e Legambiente – ha, così, commentato Valente – per ridurre l’uso della plastica. I bambini possono riempire la borraccia a casa o presso la casa dell’acqua. Il Comune di Vinchiaturo sta ottenendo risultati ottimi in termini di tutela dell’ambiente con una raccolta differenziata dei rifiuti che per il 2019 si prevede sopra all’80% e che lo porta ad essere uno dei comuni più virtuosi della regione e d’Italia”, ha chiuso il primo cittadino.