Quantcast
Serie c

Merkaj al Campobasso, Vitali (o Di Francesco) al Foggia: trattative serrate

Le due società lavorano a un affare che porterebbe più sostanza in attacco ai Lupi e maggiore freschezza sugli esterni ai satanelli di Zeman. Merkaj lo scorso anno ha realizzato 18 reti con la maglia del Bra in serie D. Novità attese nelle prossime ore.

Olger Merkaj al Campobasso, Pablo Vitali al Foggia. È più di un’idea, la trattativa è ben avviata e l’affare potrebbe concretizzarsi nelle prossime ore. Occhio, però: sul piatto c’è anche Davide Di Francesco, uno dei più brillanti colpi messi a segno dai rossoblù questa estate. La situazione è fluida e si attendono le ufficialità per capire le intenzioni delle due società.

Per i Lupi si tratterebbe in ogni caso di sacrificare uno dei giovani gioielli della ‘scuderia’. Vitali è un classe 2002 ed è di proprietà. Dunque, l’obiettivo è piazzarlo a un’offerta congrua e vantaggiosa. Di contro, arriverebbe uno che è abituato a fare gol, seppure quest’anno abbia trovato difficoltà in serie C nonostante una grandissima partenza.

Merkaj attaccante Foggia

Merkaj ha messo a segno nella scorsa stagione ben 18 reti con la maglia del Bra in serie D. Classe 1997, è cresciuto nella Primavera della Sampdoria prima di trasferirsi al Tuttocuoio in C, poi in D al Casale, al Chieri e al Breno. Prima dell’annata magica di Bra che ha attirato le attenzioni del direttore dei ‘satanelli’ Pavone. L’albanese è una punta moderna, abile a smarcarsi in area ma anche a fornire passaggi decisivi per i compagni.

Vitali nel capoluogo è esploso lo scorso anno a suon di giocate e di gol, contribuendo eccome alla promozione del Campobasso. In C non è stato impiegato spesso titolare da mister Cudini, la differenza di categoria un po’ si è fatta sentire. Ma in prospettiva è un ottimo giocatore.

Come del resto Di Francesco, che però è in prestito dall’Ascoli. Finora ha timbrato tre marcature risultando nelle prime dieci giornate – prima dell’infortunio – tra i più positivi di tutto l’organico campobassano. Insomma, bolle molto in pentola.

Foto 2 tratta da lattacco.tv

commenta