Quantcast
stadio ex romagnoli campobasso

Decenni leggendari

Dall’umile carbonella alla ricca erbetta, fino all’oblio. La storia del Vecchio Romagnoli

Fin dagli anni Venti la squadra del Campobasso ha calcato il glorioso campo da gioco che ha vissuto il suo periodo d’oro nei primi tre anni della serie B. Poi il declino e l’abbandono. Nel 1978 il manto erboso sostituì la terra nera sulla quale nei decenni si sono susseguiti calciatori forti e meteore: l’evento fu vissuto come una vera e propria promozione. Fu il presidente Falcione a dare la svolta anche per la costruzione della curva, lato ‘prato’. Poi il presidentissimo Molinari mise su anche la curva Nord.

Danilo Alessandro

Il personaggio

Dal “faccio le valigie” di ottobre alla magia contro l’Agnone. Alessandro saluta i Lupi: “Grazie per l’affetto”

L’attaccante ha affidato ai social un messaggio rivolto al presidente Gesuè (“ha fatto tanto per me”) e alla piazza che ne ha conosciuto pregi e difetti. Difficile la prima parte di stagione con zero gol in otto partite e l’annuncio dell’addio anticipato poi rientrato. Poi gli screzi con mister Cudini che gli costarono l’esclusione per alcuni match. Infine la parte più bella, quella da trascinatore con le 11 reti per la rimonta.