Giù la richiesta di pesce fresco e barche ferme in porto: sos della Marineria alla Regione

La Marineria molisana suona l’allarme per le ricadute economiche pesantissime dell’emergenza Coronavirus sul settore.

Le associazioni Federcoopesca Fedagripesca Molise, Associazioni Armatori Termoli e AGCI AGrital scrivono all’assessore regionale al ramo, Nicola Cavaliere, e al Presidente della Regione Donato Toma per segnalare la “gravissima crisi scaturita dal diffondersi del Covid-19 che ha letteralmente messo in ginocchio l’intera marineria molisana”.

Questo perché “le imbarcazioni di pesca allo strascico sono quasi tutte ferme per la nota difficoltà del mercato all’ingrosso, le barche della pesca delle vongole sono ferme in porto da 10 giorni, le piccole imbarcazioni della piccola pesca artigianale dislocate su tutta la costa molisana hanno difficoltà ad andare in mare per pescare e le imprese di mitilicoltura del nostro territorio sono al collasso per la mancata richiesta di prodotto fresco”.

Il crollo della richiesta di pesce fresco sta mettendo in crisi il settore, “le nostre imprese associate non riescono a garantire neanche il minimo garantito ai proprio imbarcati e le ripercussioni economiche sulle imprese saranno gravissime, mettendo a rischio le stesse con conseguente perdita di posti di lavoro”.

Dunque la proposta di una immediata attuazione di fermo pesca, come strumento emergenziale e dunque diverso rispetto alle interruzioni che nascono da esigenza di tutela ambientale. Si dovrebbe, secondo le associazioni della marineria, associare a questo “fondi dedicati alla pesca che potrebbero andare a coprire il bisogno di tutte le marinerie dei vari segmenti e mestieri di pesca, nessuno escluso”.

Come? “Tutto questo potrebbe essere attuato con fondi (Feamp) che già sono disponibili, ma necessiterebbero un intervento del nostro governo per le modifiche agli articoli relativi al fondo di motorizzazione, mai attuato dal nostro paese”.

Dunque la richiesta alle istituzioni regionali di  farsi portavoce delle istanze della marineria molisana presso la Ministra Bellanova.