I bambini della ‘Giovanni Paolo II’ raccontano i diritti dei minori. La Garante Lanciano: “Un giorno speciale”

È partito stamattina il tour della Garante regionale dei Diritti della Persona, Leontina Lanciano, nelle scuole molisane e con bambini e ragazzi, per celebrare il trentennale della Convenzione Onu sui Diritti del Fanciullo.

Leontina Lanciano ha incontrato tre bambini della scuola Primaria “Giovanni Paolo II” dell’Istituto Comprensivo ‘Montini’ di Campobasso.

bimbi scuola cb

Si tratta di Gaia, Davide e Alessandro i quali, nei panni di ottimi cronisti, hanno illustrato al Garante rispettivamente i compiti dell’Unicef per i bambini, quelli del Garante per i Minori, e le varie iniziative che l’uno e l’altro mettono in campo per tutelare i diritti dei più piccoli.

I tre alunni della “Giovanni Paolo II”, che fanno parte anche del Consiglio comunale dei bambini, si sono distinti per spigliatezza e padronanza degli argomenti. Con loro la maestra Loredana Mignogna. Un progetto molto interessante, quello di questa mattina, che non mancherà di lasciare un segno nella formazione dei bambini e che la Garante ha commentato con soddisfazione: ” È stato straordinario sentire questi ragazzi parlare di diritti dei minori, di Unicef, e dei compiti cui devo assolvere in qualità di Garante regionale di infanzia e adolescenza. Sono stati bravissimi e molto chiari nell’esposizione. I miei complimenti a loro e alla scuola per l’ottimo lavoro svolto per una causa importante come quella di cui si parlerà tanto in questi giorni”.

Il tour del Garante proseguirà domani, 19 novembre, nell’aula magna dell’Istituto Tecnico ‘Fermi’ di Isernia, dove è in programma una mattinata di interventi sui risultati dei 30 anni dalla Convenzione Onu. La Garante relazionerà sul tema “Diritti per tutti: il Garante regionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza quale organo di tutela e protezione dei minori”.

Infine, mercoledì 20 novembre, in Consiglio regionale, altro momento di grande interesse, stavolta su proposta e in collaborazione con la Presidenza del Consiglio regionale del Molise. Si tratta di un tipico esperimento di kids takeover, la formula più efficace per consentire ai ragazzi di assumere il ruolo degli adulti, nel caso specifico nell’ambito istituzionale. L’iniziativa prevede una simulazione di seduta del Consiglio regionale, ma formato dai giovani. Maggioranza e opposizione saranno composte dagli studenti del Liceo Classico ‘M. Pagano’, del Liceo Artistico ‘G. Manzù’ e dell’Istituto d’Istruzione Superiore ‘S. Pertini’ di Campobasso. Tema previsto: “Strategie ambientali a tutela e valorizzazione del territorio” sul quale i ragazzi proporranno una legge, seguendo lo schema dell’Assise vera e propria.