Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Un baluardo per le specie animali e vegetali a rischio, giornata di iniziative per le oasi Wwf

Domenica 19 maggio torna la Giornata delle oasi Wwf, una giornata di eventi ed iniziative speciali, una vera e propria festa della natura rivolta al grande pubblico.

Le Oasi del WWF (la prima fu Burano in Toscana nel 1967) hanno introdotto milioni di adulti e bambini alla conoscenza della natura, sono state un insostituibile argine a degrado, cemento e caccia, hanno favorito e stimolato la ricerca scientifica. Ma, soprattutto, il successo delle 100 Oasi si misura con le specie che il WWF è riuscito a salvare dall’estinzione. Le Oasi WWF si sono dimostrate in questi 50 anni baluardi insostituibili per le specie animali e vegetali più minacciate, dalla lontra al cervo sardo, alle tantissime specie di uccelli acquatici.

Ecco perché fino a domenica 19 maggio è attivo l’SMS solidale 45590 per sostenere il progetto WWF Natura d’Italia. “Il progetto – spiegano gli organizzatori – avrà un focus d’azione per affrontare la maggiore emergenza per la biodiversità italiana: la salvezza dell’Orso bruno marsicano (Ursus arctos marsicanus). Siamo, infatti, custodi di una sottospecie che vive (con appena 50 individui) solo nelle montagne dell’Italia centrale tra Abruzzo, Lazio e Molise e che rischia di estinguersi se non si mettono in campo azioni urgenti per incrementare ed espandere la sua popolazione, gestire i conflitti e fermare il bracconaggio”.

Il WWF ricorda che l’Italia ha pochi eguali in Europa in fatto di ricchezza di fauna e flora, con oltre 57.000 specie animali (1.255 i vertebrati) e circa 8.000 vegetali.

Anche il Molise ha un’oasi WWF, la riserva regionale Guardiaregia-Campochiaro, che rappresenta ormai da 22 anni un punto fermo nella tutela della natura e nella promozione turistico-culturale della biodiversità matesina, proponendosi concretamente protagonista anche nelle nuove sfide di tutela come l’istituzione del Parco Nazionale del Matese, che diventa realtà anche grazie alla presenza dell’Oasi WWF sul territorio.

Domenica 19 maggio anche a Guardiaregia e a Campochiaro sarà possibile toccare con mano le attività dell’Oasi del WWF per la tutela della natura, in una giornata all’aria aperta con visite guidate, attività ludico-didattiche per i più piccoli ed escursionistiche per i più grandi ed inoltre la spettacolare liberazione di animali recuperati presso il Centro Recupero Rapaci dei Carabinieri Forestali di Pescara. Infine l’immancabile sosta gastronomica presso le strutture di Guardiaregia.

Per i dettagli sull’evento si può consultare il sito internet www.oasiguardiaregiacampochiaro.it.