Primo confronto fra sindacati e Ad Stellantis: “Rispetterà gli impegni in Italia”

Più informazioni su

Primo confronto oggi fra il neo amministratore delegato di Stellantis Carlos Tavares e i sindacati italiani. “Tavares ha sottolineato l’importanza dell’Italia – scrive la Uilm – e ha dichiarato che Stellantis rispetterà tutti gli impegni assunti da FCA prima della fusione. Sono affermazioni importanti che abbiamo apprezzato molto, che rappresentano il miglior punto di partenza possibile per costruire relazioni sindacali costruttive e efficaci. Confidiamo che avremo l’occasione di proseguire il confronto sul futuro piano industriale, come lo stesso amministratore delegato ci ha assicurato”.

Lo dichiara Rocco Palombella, segretario generale della Uilm, dopo l’incontro tenutosi oggi fra i vertici della società e i sindacati italiani; per la Uilm presente anche Gianluca Ficco, segretario nazionale responsabile del settore auto.

“Tavares ci ha anzi prospettato le opportunità – prosegue Palombella – che proprio la fusione può offrire ai marchi italiani, rafforzandoli grazie alle sinergie che saranno realizzate. Del resto il fatto stesso di aver organizzato un incontro, nonché la visita del nostro Paese, dopo pochissimi giorni dalla formalizzazione della fusione è un atto che dimostra attenzione verso la realtà italiana e i lavoratori. Tale attenzione è confermata dalla espressa disponibilità a creare occasioni di dialogo, così da fugare possibili ansie e dare certezze ai lavoratori, nonché dal fatto che Tavares ha accolto la nostra richiesta di poterci confrontare anche sul futuro piano industriale”.

“Tavares ha prospettato – conclude Palombella – le difficoltà che il mercato dell’auto oggettivamente presenterà a tutti i costruttori a causa delle profonde trasformazioni in atto nel settore. Sarà essenziale essere capaci di essere più intelligenti dei competitori, sfruttando le grandi risorse e competenze che Stellantis eredita sia da FCA sia da PSA. Dal canto loro i governi europei devono investire su reti di ricarica, se vogliono davvero accompagnare la elettrificazione”.

Più informazioni su