Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Festa annuale del circolo Auser, si parlerà di Fibromialgia

In occasione dell’appuntamento annuale della festa Auser del circolo di Larino, che si terrà sabato 13 luglio, si parlerà della Fibromialgia

L’incontro dal titolo “La fibromialgia: dalla parte di chi ne soffre. Che cos’è e come affrontarla”, aperto al pubblico e moderato da Graziella Vizzarri, Auser Larino,  si terrà alle ore 10.30 presso il Ristorante-pizzeria “Forum” dopo i saluti di rito della Presidente dell’Auser Circolo di Larino Daniela Bassi, Il Sindaco del Comune di Larino Giuseppe Puchetti e Dante Leva, Presidente AUSER Regione Molise.

Fibromialgia evento Auser

Diventa così la festa Auser, ancora una volta, un’occasione propedeutica alla sensibilizzazione della comunità oltre un “luogo” di confronto. Saranno presenti due relatori di spicco come il dottor Franco Paoletti, Direttore Reumatologia Ospedale San Francesco Caracciolo di Agnone e il dottor Girolamo Baldassarre,  Psicologo-Dirigente Consultorio familiare di Larino e Docente di “Psicologia dello sviluppo” Università degli studi del Molise.

 

La fibromalgia è una patologia silente, subdola, ma presente e invalidante che colpisce un numero alto di persone soprattutto donne. Per tanti anni la patologia è stata sottovalutata riconducendola ad un fenomeno di isteria o una sorta di dubbio medico non riconosciuto. I sintomi caratteristici della Fibromialgia sono il dolore diffuso accompagnato da insonnia e stanchezza cronica. Il dolore ha localizzazione incerta e viene spesso riferito genericamente a nuca e spalle. L’esordio è graduale, diffuso e molto fastidioso e il dolore, non di rado si presenta sensibile a fattori climatici e ambientali, dura mesi e non è influenzato dal riposo. Alcuni pazienti affermano di avvertire dolore “sempre e dappertutto” e frequentemente associati alla fibromialgia sono la cefalea, i disturbi intestinali, la dismenorrea, l’ansia e/o la depressione. Una patologia in via di evoluzione e di riconoscimento, da parte del Ministero della salute, come malattia invalidante e consecutivo inserimento nei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza).