Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Il molisano Mammarella è Cavaliere di San Gregorio Magno per investitura del Papa

Più informazioni su

Papa Francesco ha conferito l’onorificenza pontificia di Cavaliere dell’Ordine di San Gregorio Magno a Giuseppe Mammarella, direttore dell’Archivio storico e della Biblioteca della Diocesi di Termoli-Larino. La comunicazione ufficiale è stata trasmessa al Vescovo, monsignor Gianfranco De Luca, dal Segretario di Stato della Città del Vaticano, Sua Eminenza Pietro Parolin.

Si tratta di un Ordine pontificio di prima classe istituito il primo settembre 1831 da Papa Gregorio XVI in memoria e glorificazione del Sommo Pontefice San Gregorio I (detto Magno) che si propone, in sostanza, di valorizzare e riconoscere il servizio prestato nei confronti della Chiesa universale, per impieghi straordinari, in supporto alla Santa Sede e per il buon esempio presso le comunità e nel paese.

La decorazione dell’Ordine consiste in una croce ottagona o biforcata smaltata di rosso e pomellata d’oro, caricata in cuore da uno scudetto circolare recante l’immagine del Pontefice a cui è intitolato e la legenda “Sanctus Gregorius Magnus”.

Accogliamo con gioia questa comunicazione arrivata, peraltro, in un giorno speciale, quale la solennità del 15 maggio in onore di San Primiano, martire larinese insieme a Firmiano e Casto – ha affermato il Vescovo, Gianfranco De Luca, che successivamente consegnerà al responsabile delle strutture diocesane l’atto di conferimento giunto dal Vaticano – l’onorificenza pontificia di Cavaliere dell’Ordine di San Gregorio Magno non vuole essere altro che un segno per esprimere ampia gratitudine e riconoscenza al servizio speso con amore, passione, competenza, studio e dedizione alla causa da parte di Giuseppe Mammarella.

Un punto di riferimento per la nostra comunità diocesana che da tempo assicura, con spirito di gratuità, un servizio prezioso attraverso un lavoro di ricerca storiografica, catalogazione, contributi, pubblicazioni e varie e interessanti iniziative culturali rinnovando sempre la piena disponibilità e la cura preziosa del nostro immenso patrimonio di storia, arte e fede”.

Più informazioni su