Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Insulti razzisti, la società neroverde smentisce: “Tutto falso, è un complotto. I migranti sono i benvenuti”

Il presidente della A.s.d. US Guglionesi Romeo Fulvio amareggiato per la denuncia dello Sprar di Larino che ha parlato di "insulti razzisti" contro i migranti che giovedì pomeriggio hanno disputato una amichevole con la squadra locale. La società neroverde respinge le accuse di razzismo e spiega: "Non è successo assolutamente nulla di quanto riferito da De Santis che allena lo Sprar. I ragazzi di colore d’altra parte hanno giocato a Guglionesi per la quarta volta: se avessero avuto problemi con i nostri giocatori non sarebbero tornati. E il nostro Mister è un professionista: non si sognerebbe mai di insultare gli avversari, soprattutto i migranti".

Più informazioni su

Non ci sta a prendersi l’accusa di razzismo la società calcio del Guglionesi, che dopo la denuncia di alcuni responsabili dello Sprar di Larino circa offese e “gioco pesante” contro i ragazzi di colore che giovedì pomeriggio hanno incontrato i neroverdi, smentisce le parole e rispedisce al mittente le accuse. «E’ assolutamente falso che i migranti siano stati definiti ’sporchi negri’, un’espressione che da sola mi fa venire i brividi» dichiara il presidente della A.s.d. U.S. Guglionesi Romeo Fulvio, amareggiato ma anche indignato per una notizia, sostiene, «assolutamente priva di fondamento. Siamo stati ospitali in maniera totale – racconta ancora, provato nel vedere la sua squadra al centro di una polemica – che non ha ragione di esistere. Abbiamo accolto la squadra dello Sprar perché ci è stato richiesto per la quarta volta sul campo del Guglionesi. Penso che se i ragazzi di Larino avessero ricevuto un trattamento simile non sarebbero mai tornati a giocare con noi».

Quella di giovedì sul campo comunale del centro basso molisano è stata una amichevole che segue altri incontri simili avvenuti negli ultimi mesi, durante i quali in realtà più che puntare a vincere si trascorre un po’ di tempo insieme uniti dall’amore per il pallone. «E’ accaduto una unica volta e non in questo caso – continua il presidente della società Fulvio – che un ragazzo di San Severo che gioca con il Guglionesi abbia offeso uno dei migranti. E’ stato ripreso immediatamente e diffidato dal riprovarci, e a insistere su questo punto non sono stato solo io quanto anche e soprattutto il nostro mister D’Ambrosio, che è una persona di estrema professionalità la quale peraltro ha uno splendido rapporto con le persone di colore. So che è impossibile che sia stato complice di una vicenda come quella raccontata».

L’allenatore dello Sprar Michele De Santis, autore in primis della denuncia, ha riferito che contro i ragazzi di colore è stata usata l’espressione “Sporchi negri”. «Tutto falso, è un complotto – continua il Presidente – perché a questo punto non so davvero che pensare. E la dimostrazione è che al termine della gara il nostro mister è andato negli spogliatoi avversari a salutare personalmente i giocatori. Si sono lasciati benissimo e penso che torneranno ancora a giocare sul nostro campo. Siamo indignati perché abbiamo manifestato solidarietà piena e questa è la conseguenza: è deludente, sono senza parole. Abbiamo ricevuto noi un trattamento offensivo».

Più informazioni su