Addetti della vigilanza armata in presidio davanti al Consiglio regionale