voto

patrizia manzo M5S

Cronache

Cosib, appello di Patrizia Manzo: “Basta ingerenze della politica, mettiamo al centro le imprese”

L’intervento della portavoce del M5S in Consiglio regionale alla vigilia del voto per il rinnovo del Direttivo e della presidenza: “La logica antica, e ormai superata, della pressione politica, dello scegliere gli uomini in base alle appartenenze, la mera sperequazione partitoria è nociva, dannosa, non produce sviluppo ma ne limita drasticamente le possibilità. La politica deve partecipare in quanto espressione del territorio, a sua difesa, ma non deve essere più una 'società immobiliare' che (s)vende beni che non le appartengono”.  

Festa dell'Unità

La festa dell'unità

Facciolla apre il cantiere per ricostruire la Sinistra e battere il centrodestra: “Toma il peggior presidente del Molise”

Anche se mancano ufficialmente due anni alle prossime Regionali, alla Festa dell'Unità di Montagano il Pd ha acceso i motori della campagna elettorale e lanciato 'messaggi' d'amore alle altre forze progressiste. Il segretario Vittorino Facciolla parla già da leader: "Da soli non possiamo fare molto: abbiamo bisogno di unirci e concorrere a ricostruire il campo della Sinistra". Sullo sfondo il voto del 21 settembre che potrebbe incidere sulla tenuta del partito e del governo nazionale e regionale.

comunali-foto-150941

A 30 giorni dal voto

Bojano per le larghe intese, Agnone si affida ai vecchi schemi. M5S rischia di essere il grande assente

Manovre nel vivo per chiudere la quadra sui candidati in corsa alle Amministrative del 20 e del 21 settembre. Nel paese altomolisano si delinea il duello tra Daniele Saia (Pd) e Agostino Iannelli (centrodestra), mentre le ultime indiscrezioni parlano del forfait della squadra 'realizzata' dal capogruppo pentastellato in Regione Andrea Greco. Più variegata la situazione a Bojano: con Mariacristina Spina, moglie del 'patricielliano' Gianluca Cefaratti, scende in campo il presidente del Consiglio regionale Salvatore Micone. Il preside Carmine Ruscetta sarà appoggiato da un 'mix' di centrodestra, centrosinistra e pezzi della società civile.