teatro

Niccolò Fabi a Campobasso

Lavoro & cultura

Il secondo blocco di cinema e teatri. Artisti in subbuglio, 500 operatori in ginocchio: “Rischiamo di scomparire”

Gli operatori del settore non 'vedono' più un futuro dopo l'ultimo decreto del Governo che taglia 'le gambe' al mondo dello spettacolo, già in crisi profonda in seguito al primo lockdown. "Si rischia che vengano cancellate realtà che con fatica hanno resistito alla prima ondata ma questa non sembra una priorità", le parole della presidente di Fondazione Molise Cultura Antonella Presutti. "E' un mondo in ginocchio", dice il pianista Simone Sala. Stefano Sabelli: "Sarà una mazzata, occorre un ristoro da Governo e Regione".