Quantcast

strage

Testuggini Pineta Campomarino incendio tartarughe esplose carapaci

Campomarino

Decine di tartarughe esplose, centinaia di uova bruciate, migliaia di pini in cenere: “E’ una catastrofe ambientale” foto video

L’incendio nella pineta di Campomarino ha devastato un habitat naturale prezioso non solo come polmone verde ma anche perché ospitava, da 70 anni, un patrimonio di fauna e flora unico nel genere. L’esperto Nicola Norante, in ricognizione con il gruppo molisano studi ornitologici e con esperti di rettili, classifica la strage degli animali e della flora. Ritrovati decine di carapaci di testuggine di Hermann, che hanno già nidificato: distrutte centinaia di uova. Fabio Ventriglia Campana, autore di un reportage prezioso anche a fini investigativi, racconta il paradiso perduto sotto l'orrore del business del fuoco.

Cane avvelenato a Busso

Via alle bonifiche

La strage dei cani di Busso: altro sospetto avvelenamento, indagini in corso

Questa mattina - 7 giugno - sono iniziate le operazioni di bonifica in paese dopo il ritrovamento di una cagnolina morta per un sospetto avvelenamento, come riferito dal veterinario intervenuto ieri assieme ai Carabinieri Forestali, ai volontari dell'associazione Stop Animal Crimes Italia e al sindaco Michele Palmieri. Probabile che l'autore dell'atroce gesto sia la stessa persona che qualche settimana fa aveva ucciso altri animali: il mix di sostanze utilizzato per le esche pare sia lo stesso.

Gatti avvelenati

Colle della torre a termoli

Continua la strage di gatti, almeno 7 i felini morti o scomparsi. Il caso dai carabinieri, attivata l’unità cinofila antiveleno

Stamattina trovata morta anche mamma gatta, i cittadini presentano denuncia all’Arma dando seguito alla segnalazione già fatta alla Asrem. Anche l’Anpana si sta interessando del singolare caso e ha sollecitato il Comune ad attivare l’unità cinofila antiveleno. L’istituto Zooprofilattico farà le autopsie su alcune carcasse di gatti padronali morti avvelenati tra via Quasimodo e via Ungaretti, a Colle della Torre.