sentenza

Scarabocchi e muri imbrattati a Vazzieri

Pugno di ferro in tribunale

Voleva conquistare Campobasso con lo spaccio di coca e le rapine. Il 25enne si pente, ma non convince il giudice: pena quasi da ergastolo

Michele Di Bartolomeo, alias il writer 'Pensa' che ha riempito di scarabocchi la città di Campobasso, si è pentito in aula ma non ha convinto il giudice. La Pubblica accusa aveva chiesto un terzo della pena poi comminata a carico del 25 enne ma l'autorità giudiziaria ha applicato un giudizio per ogni delitto. E la somma dei tredici capi d'imputazione per cui è stato inquisito ha suggellato un verdetto quasi da 'ergastolo'. Il egale Silvio Tolesino attende le motivazioni ma "al di là di queste, impugnerò immediatamente il dispositivo"

michele picciano

Soldi pubblici depauperati

Spese “pazze” in Regione: l’ex presidente del Consiglio Picciano condannato a tre anni di reclusione e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici foto

Michele Picciano, ex presidente del Consiglio regionale, era accusato di peculato e abuso d'ufficio: dovrà anche restituire circa 60mila euro dei 75mila contestati dalla pubblica accusa. Nel procedimento, imputato pure il segretario personale Francesco Colucci poi assolto per estinzione del reato. L'indagine condotta dagli agenti della Digos di Campobasso su disposizione dell'allora procuratore Fabio Papa

piazza pulita

Campobasso

“Piazza Pulita”, il Riesame conferma le accuse dell’Antimafia e nega la libertà agli indagati

Sono tredici le istanze (su 39 persone sottoposte a misura cautelare) pervenute al tribunale perché rivedesse o revocasse le restrizioni disposte dal gip Teresina Pepe su richiesta del capo della Procura Nicola D’Angelo e del sostituto Vittorio Gallucci, nell’ambito della maxi inchiesta condotta dai carabinieri del nucleo investigativo in collaborazione con gli uomini delle fiamme gialle

16enne collassa egiziano

Campobasso - choc in aula

La 17enne maltrattata dall’ex-fidanzato rivela: “Mi picchiava e mi drogava ma io l’amavo. Ora rivoglio la mia vita”

L'egiziano noto alle cronache di Campobasso e arrestato a processo. Per la prima volta la giovane ha ammesso le botte e il consumo di sostanze stupefacenti ma ha anche raccontato al giudice che aveva sopportato tutto per amore. Adesso si è iscritta di nuovo a scuola, vuole terminare gli studi e riprendersi la sua vita. Nella prossima udienza sarà ascoltato il 20enne extracomunitario, detenuto a Isernia