Montecilfone rinvenimento archeologico

Montecilfone

Dagli scavi per il metanodotto una scoperta archeologica: insediamento preistorico eccezionale, c’è anche la sepoltura di un infante

Una scoperta straordinaria vicino il cimitero comunale, fatta durante gli scavi per il tracciato del gasdotto Larino-Chieti: gli archeologi diretti dalla Sovrintendenza hanno trovato una stratificazione complessa, che abbraccia un arco cronologico dalla preistoria all’età medievale. Tra i rinvenimenti più entusiasmanti un edificio templare di età romana, due fornaci a pianta rettangolare, la sepoltura di un infante, con corredo vascolare e con due ovini, databile all’età eneolitica, periodo della Preistoria di transizione tra l’età della pietra levigata e l’età del bronzo. Il sindaco Giorgio Manes annuncia di essere già al lavoro per la valorizzazione del sito, che non comprometterà i lavori per la realizzazione del metanodotto.

Donato Toma Regione Molise

Con l'università

Più visitatori in Molise: “21mila ad Altilia, 14mila a Isernia”. 4 mln per gli scavi in sei Comuni

Il presidente della Regione, Donato Toma, nel corso dell’inaugurazione dell’anno accademico ha snocciolato numeri ottimistici: “Altilia, rispetto a cinque anni fa, ha fatto registrare un +13% con 21mila visite, a seguire il Paleolitico di Isernia con 14mila (+29%)”. E ha poi confermato che presto partiranno i lavori a Guglionesi, Pesche e Agnone per ricerche e scavi. Interessati anche i Comuni di San Giuliano del Sannio, Sant’Elia a Pianisi e Venafro.