rete emergenza urgenza

stroke unit isernia

La telemedicina

Emergenza-urgenza, robot negli ospedali “per diagnosi veloci”. La Stroke Unit resta a Isernia, ritardi al Cardarelli video

In dotazione dei nosocomi molisani tre apparecchi acquistati grazie ai fondi Por Fesr-FSE 2014-2020 per una valutazione medica a distanza. "Questa innovazione sarà fondamentale nelle patologie tempodipendenti", ha sottolineato il presidente Toma che questa mattina ha incontrato la stampa assieme al direttore Asrem Lucchetti. "Anche in Molise sarà possibile effettuare finalmente una trombolisi". Ma nella prima fase il 'cuore' del sistema sarà il Veneziale di Isernia, unico presidio dotato di Stroke Unit. Tempi incerti per l'attivazione dell'unità operativa per la cura dell'ictus al Cardarelli annunciata nell'ottobre del 2018: i lavori sono in corso, ma "ci sono stati intoppi burocratici".

consiglio-regionale-sanita-155355

Regione molise

Consiglio inutile sulla sanità. Si litiga e alla fine si decide di riconvocare i commissari foto

Al termine di un dibattito fiume la maggioranza converge sulle proposte del Partito democratico di riconvocare i commissari (assenti oggi, 30 luglio) e di istituire una commissione speciale, a costo zero, che avrà il compito di "elaborare un documento condiviso di indirizzo sull'argomento sanità". Ma anche oggi in Aula non sono mancati scambi di accuse tra maggioranza e opposizioni e gli stessi esponenti del centrodestra. Uno dei nodi più intricati riguarda l'accreditamento al Neuromed che fa riferimento ad Aldo Patriciello, un alleato troppo importante per Donato Toma. Ogni anno la Regione paga 44 milioni di euro all'anno per le prestazioni erogate ai pazienti. Invece solo in autunno si conoscerà il nuovo disegno della sanità molisana: per ora il piano operativo 2019-2021, inviato ai Ministeri, è solo una bozza. Delusione tra i comitati.

Toma, Lucchetti e Sosto

Sanità a picco

Neurochirurgia, l’accordo con Neuromed non basta: in estate per le emergenze si dovrà arrivare a Teramo

Pochi giorni dopo aver rinnovato l'accordo col Neuromed, i vertici Asrem hanno inviato una nota al direttore dell'Asl della città abruzzese per "indirizzare eventuali emergenze neurochirurgiche". Una nota, inoltrata pure al 118, che getta molte ombre anche sul Cardarelli, cuore della rete ospedaliera molisana ma alle prese con una carenza di medici nel periodo estivo. Ma Teramo dista da Campobasso almeno 230 chilometri e probabilmente sarebbe stato il caso di attivare un accordo con l'ospedale Pescara, molto più vicina al Molsie.