ospedale-san-timoteo-151740

Ospedali nel caos

Il Punto nascite sparisce dal Piano Sanitario: non si partorirà più a Termoli. Otorino, 1500 in lista d’attesa

Nel nuovo Piano Operativo Sanitario del Molise, depositato a Roma ma ancora "segreto", drastico ridimensionamento di tutti gli ospedali molisani tranne il Cardarelli di campobasso. La denuncia del Comitato San Timoteo: il reparto di Ginecologia di Termoli non esiste più nel nuovo Piano Operativo in fase di ultimazione. Il fatto che non sia stato fatto nemmeno il concorso da primario suffraga una indiscrezione che i vertici Asrem non hanno smentito. Nicola Felice delinea un quadro fosco per il futuro della sanità locale. E il reparto di Otorino muore, malgrado la petizione. Con lo spauracchio che il Molise possa dover restituire finanche i fondi della solidarietà delle altre regioni.

Voglio nascere a Termoli

#l113: ora tocca alla gente

Nascere a Termoli si può, ora però bisogna aumentare i medici e il numero di parti foto

Ecco cosa succede con la decisione del Consiglio di Stato che ha confermato la sospensiva del Tar: il Punto Nascite resta aperto, ma l’8 aprile ci sarà l’udienza di merito davanti al Tar e bisognerà dimostrare, numeri alla mano, che la sicurezza è garantita da una equipe ginecologica adeguata e da una soglia di parti aumentata rispetto agli ultimi anni.

Ginecologia e ostetricia Termoli

Punto nascite

Assunto giovane ginecologo: è l’unico che ha risposto all’avviso. I medici chiamati dai sindaci fuori gioco perché pensionati foto

Contrattualizzato, grazie all’interessamento del primario facente funzione Molinari, un medico che ha manifestato interesse per l’avviso pubblico Asrem scaduto lunedì. Nessun altro ha risposto. I dottori contattati dal sindaco Roberti e altri colleghi sono pensionati e non potrebbero comunque lavorare in corsia. La dottoressa Fiadino, anche lei assunta, prenderà servizio solo a settembre e per il momento il rinforzo con un camice bianco non basta a garantire lo standard di sicurezza e le turnazioni corrette. Intanto è attesa a ore la decisione del Tar sulla sopravvivenza del Punto Nascite.