numeri

Pronto soccorso covid triage

Termoli

Scende il numero di pazienti Covid al San Timoteo. “Due settimane fa erano il quadruplo”. L’influenza “sparisce” in Pronto Soccorso

Una buona notizia sul fronte dei ricoveri in basso Molise: si abbassa drasticamente la media di sintomatici che si rivolge alle cure del Pronto Soccorso di contrada Mucchietti. Un infermiere rivela: “Fino a dieci giorni fa arrivavano tre ambulanze ogni sei ore per sospetto covid, ora una al giorno e nemmeno sempre”. Effetto delle misure di contenimento? Sicuramente le misure agiscono come deterrente sulla diffusione del virus influenzale, che a differenza degli altri anni non è più presente nel Triage. “Ma il picco non è ancora arrivato” ammoniscono i medici.

 Vincenzo Nardelli

La conoscenza contro la paura

“Attenti a fare paragoni tra le 2 ondate, i numeri non ce lo consentono”. Positivi, tamponi, indice Rt: l’esperto di statistica spiega i dati – GRAFICI e ANALISI

Siamo bombardati da numeri e cifre ogni giorno che tuttavia non spiegano nulla, o quasi, sull’andamento del virus in Italia e in Molise. Vincenzo Nardelli, esperto di statistica di San Martino in P. che ha già partecipato nella prima fase della epidemia al progetto CoVstat con un team di esperti, e che ora sta collaborando a un gruppo di ricerca prestigioso, decodifica i dati, fornisce grafici ma chiarisce che in assenza di uno studio con un campione statistico è impossibile ricavare informazioni pure necessarie sui nuovi positivi. “I numeri giornalieri sono inaffidabili perché risentono di troppe variabili, a cominciare dai tamponi”.

Protesta scuola e trasporti consiglio regionale

Tregua interrotta

Toma si schianta di nuovo sui trasporti: Iorio e Romagnuolo votano con le minoranze, decisiva assenza di 2 dissidenti

Nuovo tonfo in Consiglio regionale della coalizione di centrodestra che va sotto con i numeri sulle mozioni presentate dal Pd e dal Movimento 5 Stelle: entrambe passano con dieci voti favorevoli, solo nove i contrari. Decisivi i 'sì' dei dissidenti Michele Iorio e Aida Romagnuolo, delusa dall'ennesima esclusione dalla Giunta regionale, e le assenze per motivi personali di Filomena Calenda e Gianluca Cefaratti.

toma-e-pallante-147146

Bomba o non bomba

La crisi di luglio non è archiviata, Toma prende altro tempo per le deleghe e i dissidenti minacciano l’appoggio esterno

Martedì in Consiglio regionale, se non ci saranno i cambiamenti in Giunta annunciati, tre esponenti della maggioranza che non hanno votato la sfiducia a Toma perché convinti dalla promessa di cambiamento annunceranno l’appoggio esterno al Governatore. Di Lucente, Micone e Aida Romagnuolo, candidata a subentrare a Marone (Lega) sono nuovamente sul piede di guerra.