Lega

Donato Toma e Matteo Salvini

Venti di guerra nell'ohio d'italia

Strappo della Lega in Molise: si smarca dal centrodestra che protesta unito in tutta Italia

Il 2 giugno la nostra regione non ospiterà la manifestazione unitaria del centrodestra come previsto nel resto del Paese dai tre leader Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi: le forze della coalizione scenderanno in piazza divise, da una parte Forza Italia e Fratelli d'Italia, dall'altra il Carroccio. La rottura è maturata, secondo quanto riferiscono i bene informati, dopo l'epurazione di Luigi Mazzuto dalla giunta regionale guidata da Donato Toma.

Toma e Cotugno

Politica

Toma rinomina i 4 assessori dimissionari ma non assegna le deleghe. Tiberio lascia

Nessuna sorpresa sui componenti dell'esecutivo regionale nel decreto pubblicato oggi pomeriggio, 3 maggio, sul sito della Regione Molise. Il presidente Toma ha designato anche Vincenzo Cotugno suo vice, mentre l'assessore 'pro tempore' Maurizio Tiberio ha rassegnato le dimissioni dopo soli 14 giorni di mandato. La Lega resta fuori: "La quinta casella è sospesa, con la Lega stiamo ragionando".

giunta-toma-143309

Nessun colpo di scena

Toma riconferma i suoi 4 assessori interni ma apre il fronte con Salvini: l’esponente leghista escluso dalla Giunta

Nessun colpo di scena nell’operazione di ricomposizione del governo regionale: il presidente Donato Toma alla fine ha rimesso al proprio posto Vincenzo Cotugno, Vincenzo Niro, Nicola Cavaliere e Roberto Di Baggio che lo scorso 16 aprile, alla vigilia della sessione dedicata al bilancio in consiglio regionale, avevano rassegnato le dimissioni. L’unico fuori dei giochi è attualmente l'ex coordinatore regionale del Carroccio, titolare della delega al Lavoro, che per ora il governatore avrebbe deciso di non assegnare. Domani la pubblicazione dei decreti di nomina degli assessori

Donato Toma Di Baggio Mazzuto Cotugno Regione Molise

Tra veleni e possibili tradimenti

La mossa di Toma: Giunta azzerata per allontanare lo spauracchio del voto. Mazzuto (Lega) fuori

Da qualche ora la Giunta regionale non esiste più: Cotugno, Niro, Cavaliere e Di Baggio hanno rassegnato le deleghe al presidente e lunedì 20 aprile, quando si aprirà la sessione dedicata al bilancio in Aula, parteciperanno alla seduta in qualità di 'semplici' consiglieri regionali. Fuori i primi degli eletti. "Non c'è nessuna crisi politica", ha dichiarato questa mattina Donato Toma che ha voluto blindare la sua maggioranza in vista di un passaggio decisivo della legislatura. Sfiduciato invece Mazzuto: l'unico componente esterno dell'esecutivo non ha rassegnato le dimissioni.