Lavoro nero

smart working computer

La chiamavano festa del lavoro

La rivoluzione (‘sgonfiata’) dello smart working: “Non ho più orari e sono pure sotto pagata”

Altro che conquista e svolta innovativa, in realtà il famoso lavoro agile incentivato dal Governo per evitare il propagarsi del coronavirus dimostra in alcuni casi i propri limiti. La testimonianza di una donna: "Sono stata messa in cassa integrazione e dovrei percepire 700 euro al mese, ma gli stipendi sono in ritardo. In più, con lo smart working, sono stata costretta ad acquistare una serie di strumentazioni. Ovviamente a spese mie". Anche uno studio americano certifica: il lavoro da remoto si allunga di 3 ore.