Quantcast

indagati

obitorio-termoli-143724

Termoli

Terminata autopsia su neonato morto dopo il parto. Medico legale è lo stesso del caso Genovese

Il professor Luigi Cipolloni, docente a Foggia ed esperto di istologia forense, ha terminato l'esame sul piccolo deceduto due ore e mezza dopo il parto a Termoli lo scorso 13 luglio. Tra 90 giorni l'esito dell'accertamento, per ora comunicato con informativa di massima solo alla Procura della Repubblica di Larino. Cipolloni, che ha ricevuto l'incarico dalla magistratura frentana, è il medico legale che ha svolto l'autopsia su Camilla Romagnoli e Gaia Von Freymann, le ragazze investite mortalmente in Corso Francia a Roma dalla Renault Koleos guidata dal figlio del regista Genovese.

Ospedale San Timoteo Termoli

Termoli

Neonato morto, due i ricorsi contro chiusura punto nascite. Martedì autopsia, primi indagati

I sindaci del BassoMolise stanno preparando il ricorso sulla scorta di quanto già fatto due anni fa, e anche la Casa dei Diritti impegnata contro la decisione del commissario straordinario Flori Degrassi. Ieri ispezione del direttore sanitario al san Timoteo, oggi confronto in Asrem per indagine interna. L'obiettivo è ricostruire quanto accaduto e si attende l'esito dell'autopsia, che sarà effettuata la prossima settimana. La Procura conferirà l'incarico al medico legale entro martedì. Iscritti sul registro degli indagati alcuni sanitari che hanno avuto un ruolo nel parto e nel post parto del piccolo di Portocannone, deceduto nel tardo pomeriggio di lunedì due ore e mezza dopo la nascita. Si tratta di una azione dovuta.

bruno pallotta collage soccorsi

Capracotta

Sei indagati per la morte di Bruno Pallotta: ritardi nei soccorsi dell’allevatore caduto in un burrone

Concluse le indagini della Procura di Isernia sul tragico incidente di cui è stato vittima il noto produttore e fratello del titolare del famoso caseificio di Capracotta: nel novembre del 2019 l'uomo è morto dopo essere precipitato in un burrone mentre tentava di recuperare una delle sue mucche. Per gli inquirenti ci sono state specifiche responsabilità sui tempi e nell'organizzazione dei soccorsi