giunta regionale

Bruxelles Toma Micone Di Lucente Fanelli

Inchiesta sulle carte di credito

Regione Molise, carte di credito usate per viaggi di lusso. La Procura cerca riscontri con hotel e ristoranti

Sta facendo rumore il caso delle carte di credito in dotazione a Giunta e dirigenti che possono spendere fino a 45mila euro all’anno per viaggi di rappresentanza al di fuori dello stipendio mensile, che sfiora i 13mila euro lordi. Dopo essersi rivolto ai magistrati, la denuncia social di Greco (5 Stelle) che annuncia una integrazione all’esposto. Intanto l’avvocato della Regione che aveva richiamato la struttura alla legge dicendo che i resoconti delle carte si devono poter visionare non solo è stata trasferita a un altro settore, ma è stata anche multata per 200 euro. La magistratura di Campobasso vuole chiarezza e ha aperto un fascicolo per peculato, truffa e falso. In seguito all’acquisizione della documentazione in via Genova, la polizia giudiziaria sta procedendo ai riscontri con fatture e ricevute emesse da hotel di lusso e ristoranti.

Aida Romagnuolo

Politica

Aida Romagnuolo, assessora mancata: no all’offerta di Toma per la delega al Lavoro e Sociale

Temendo che la fragile tregua potesse essere subito minata, il governatore ha convocato la consigliera dissidente in via Genova per un incontro chiarificatore. Confronto che alla fine è stato rimandato a causa di un malanno stagionale dell'ex esponente leghista, a cui il presidente avrebbe offerto il posto di Mazzuto e le deleghe al Lavoro e alle Politiche sociali. Una offerta però respinta, almeno per ora: Romagnuolo avrebbe chiesto del tempo per riflettere.

aida e Toma

Tensioni e bilancio in aula

Giunta, Toma non rompe con la Lega e lascia in panchina Aida Romagnuolo. Lei: “Non faccio parte del pollaio”

La verifica sull'operato degli assessori si conclude con un nulla di fatto: l'esponente del Carroccio Luigi Mazzuto resta al suo posto. Domani 13 gennaio in Consiglio regionale, il presidente Donato Toma dovrebbe annunciare solo i nuovi incarichi per gli eletti dopo i colloqui di questi giorni: "Mi fido della parola che mi hanno dato". Probabili deleghe anche per le due consigliere dissidenti, ma dopo il mancato ingresso in Giunta Aida Romagnuolo si prepara a riaprire il fronte.