maria melfi collage

L'inchiesta

Impatto mortale, i familiari di Maria Melfi chiedono accertamenti sul cellulare del conducente. Indagini per omicidio stradale

I figli della coppia – lei deceduta, lui in condizioni critiche – coinvolta nello schianto di sabato pomeriggio sulla Bifernina si sono rivolti ai legali per far luce sull’accaduto e chiedere giustizia. Una perizia cinematica e un controllo informatico sul cellulare dell’indagato, l’uomo alla guida della Tipo contro cui si è schiantata la moto dei coniugi: queste le prime richieste degli avvocati al pm di Campobasso. L’incidente è costato la vita a Maria Melfi, la donna di 51 anni di Morrone del Sannio i cui funerali si sono celebrati martedì. Il marito 58enne Lino sta lottando tra la vita e la morte in un letto della Terapia Intensiva del Cardarelli.

Pasqualino Ceglie famiglia bambini strappati

Cronache

Sette anni di ingiustizia e dolore, ma ora la famiglia è di nuovo insieme. I figli “strappati” a Pasqualino e Maria Pia tornano a casa

Pasqualino e Maria Pia vincono la loro difficile battaglia contro la privazione delle figlie minori, allontanate sette anni fa in seguito all'arresto del padre, poi rivelatosi un clamoroso errore giudiziario. "Sono felice, abbiamo avuto la cosa più importante del mondo" commenta lui, con gli occhi lucidi, l'emozione nella voce. Al termine di un lungo lockdown che ha ritardato ulteriormente i tempi del ricongiungimento, il giudice del Tribunale dei Minorenni ha firmato. Si chiude con un sofferto lieto fine una vicenda drammatica, che ha presentato analogie inquietanti con i fatti di Bibbiano.

donna cocaina spacciatrice consumatrice

Le intercettazioni

Potenti e pericolose: l’autonomia delle donne nello spaccio di coca. “Devi parlare con mia moglie, quella fa mille euro in una notte”

Intraprendenti e senza scrupoli sono capaci di farsi valere finanche più degli uomini. Sono 14 le donne indiziate nell'ambito dell'ordinanza "Piazza Pulita", che vede 57 persone iscritte nel registro degli indagati con accuse di vario genere. A loro gli uomini dei clan lasciano ampio raggio d'azione e danno massima fiducia. Madri che tagliano dosi davanti ai bambini, nonne che ai nipoti raccontano le dinamiche dello smercio. Lungo pure l'elenco di madri e mogli che per i motivi più disparati hanno deciso di iniziare a fare uso di sostanze