centrodestra

Consiglio regionale sfiducia Toma 23 Marzo

Il voto sulla mozione

La sfiducia non passa, Toma è salvo ma anche i suoi lo avvertono: “Cambiare passo”. Consiglio-fiume ad alta tensione

Il capo della Giunta regionale schiva la fine anticipata della legislatura e viene salvato dalla maggioranza, come da pronostico: 11 a 10 (ha votato anche Toma). Ma la tregua nella coalizione sembra essere al capolinea: dagli interventi in Aula di alcuni esponenti del centrodestra trapela una sorta di avvertimento nei confronti dell'operato del presidente. "Serve un maggior coinvolgimento del Consiglio regionale o prenderò le distanze", avverte Micone. Critici anche i rappresentanti del movimento di Aldo Patriciello, il vice presidente Vincenzo Cotugno e il consigliere Gianluca Cefaratti. Alta tensione in Aula nel dibattito-fiume che ha raggiunto momenti di scontro vero e proprio, tanto che è stato perfino invocata l'autorità di pubblica sicurezza.