carenza medici

Asrem dg Oreste Florenzano

Emergenza coronavirus

Il direttore generale Asrem: “Panico ingiustificato, siamo organizzati. Ognuno faccia la sua parte e rispetti le regole di prevenzione”

Intervista a Oreste Florenzano, da pochi giorni nuovo Direttore generale dell’azienda sanitaria. “La rete sta funzionando bene e stiamo predisponendo un Piano Operativo straordinario per fronteggiare possibili nuovi scenari”. Il panico, spiega a Primonumero.it il direttore, “è ingiustificato, come lo è l’allarmismo. Io sono sereno perché sono certo che adottando i principi precauzionali riusciremo tutti insieme a superare questa criticità”. Il suo è un invito alla popolazione a seguire le regole di igiene e profilassi “ma senza paura”.

Sanità tavolo Prefettura medici carenti Giustini Scafarto

Vertice in prefettura

Ospedali senza medici, emergenza infinita. Nuove assunzioni a rilento: “Si rischia la paralisi” foto video

Lo stop allo sciopero dei camici bianchi proclamato dalle sigle sindacali è l'unico risultato concreto ottenuto dopo la riunione di tre ore che questa mattina (4 febbraio) si è svolta in Prefettura a Campobasso alla presenza del commissario alla sanità Angelo Giustini e del commissario Asrem Maria Virginia Scafarto. Solo a marzo sarà espletato il concorso per anestesisti, la cui carenza ha costretto a rinviare nelle scorse settimane gli interventi programmati al San Timoteo e al Veneziale. All'ospedale di Termoli sarà tamponata l'emergenza grazie all'entrata in servizio di un giovane dottore in Pronto Soccorso.

ostetricia-ginecolgia-cardarelli-neonato-153285

Sanità allo sfascio

Solo metà dei medici in corsia: ore extra per garantire le cure. I pensionamenti mandano gli ospedali in tilt

Ma i camici bianchi, che sono la metà di quelli necessari, sono già allo stremo. Da caso straordinario a emergenza quotidiana: la carenza degli organici sta rendendo di fatto impossibile il lavoro dei camici bianchi nei presidi sanitari regionali. Per garantire i turni e per evitare l'interruzione di pubblico servizio si è deciso di fare ricorso alle 'prestazioni aggiuntive' che dal prossimo 3 febbraio saranno autorizzate dal direttore sanitario Dino Sassi. "Probabilmente il budget previsto l'anno scorso non sarà sufficiente: ci sono altre variabili negative da dover gestire come i pensionamenti o i trasferimenti dei medici",

Trasfusionale laboratorio analisi San timoteo

Termoli

Donne e uomini allettati nella stessa camera d’ospedale: l’emblema dello sfascio della sanità pubblica

Una lettera lucida e dura di Pasquale Spagnuolo, storico direttore di Medicina Trasfusionale al San Timoteo, che affronta senza ipocrisia l’emergenza dell’ospedale di Termoli dove la riduzione di posti letti impone perfino stanze “unisex”, nelle quali pazienti maschi e femmine sono divisi da un semplice separé. “E’ successo a mia moglie in cardiologia”. Una riflessione amara che tocca i punti nevralgici della caduta a picco della sanità pubblica, tra pensionamenti, inefficienze e decisioni maturate senza alcuna conoscenza del territorio.