benzina

carcere brucoli

Il delitto di tavenna

Uccise la madre dandole fuoco e accusò del delitto il suo avvocato: 16 anni dopo va in carcere. Arrestato in Sicilia, deve scontare 29 anni

Bruno Gentile aveva 35 anni all’epoca dell’omicidio, avvenuto il 18 novembre 2004 a Tavenna. Secondo l’accusa ha appiccato il fuoco contro la madre 72enne, Anna D’Ortona, nel suo appartamento nel cuore del centro storico di Tavenna, quindi è fuggito. Era stato arrestato a Vasto qualche giorno dopo. La condanna è passata in giudicato: oggi è stato arrestato dalla Polizia di Siracusa e trasferito nel carcere di Brucoli Deve scontare 29 anni e 5 mesi di reclusione per omicidio a seguito di incendio, calunnia, per avere accusato falsamente del delitto un legale, e per altri reati contro la persona.