analisi

marijuana erba studente campomarino

Campomarino

L’ombra del dark web, un affare redditizio che viaggia per posta. 21 chili di marijuana in casa di un “bravo ragazzo”: chi c’è dietro?

L’arresto (ai domiciliari) dello studente 25enne di Campomarino apre a molti interrogativi e allarga uno scenario imprevedibile di indagini. L’erba – che secondo il protagonista è legale – è stata inviata nei laboratori per le analisi. Sarebbe arrivata a mezzo corrieri, tanto da insospettire molti. Una delle ipotesi al vaglio è quella di un acquisto avvenuto tramite dark web, anche se non si può escludere che i canali di approvvigionamento fossero altri, come l’Albania o la zona del foggiano, e che fosse un “custode” pagato da qualche pesce grosso  proprio perché “insospettabile”.