abusi

zeoli

Il caso di genzano

Bimba massacrata di botte, Zeoli interrogato di nuovo nega la violenza sessuale poi tace: attesa la svolta

Federico Zeoli, in carcere a Rebibbia per i fatti di Genzano, ieri è stato interrogato su richiesta del Pm ma l’indagato, difeso dall’avvocato Silvio Tolesino, si è avvalso della facoltà di non rispondere negando gli abusi a carico della piccola. Il legale: “Siamo vicini alla chiusura delle indagini e quindi, d’accordo con il mio cliente, preferiamo aspettare la completezza degli atti per esporre la nostra posizione riguardo alle circostanze contestate. Un fatto è oggettivo: ci sono aspetti oscuri sui cui chiederò chiarezza e circospezione in fase dibattimentale. E non escludo risvolti importanti”

polizia postale

Giovani fuori controllo

Emarginato e vittima di soprusi e violenze, nuovo caso. Bullo 17enne denunciato dalla polizia

E' accaduto in un istituto superiore del capoluogo di regione. Segnalato alla procura minorile anche un altro ragazzo di 16 anni che aveva imbrattato la parete della scuola con una bomboletta spray. Il fenomeno del bullismo emerge in tutta la sua brutalità: soltanto qualche giorno la drammatica storia di un ragazzino di Guglionesi, bersaglio di angherie da parte di un branco capeggiato da un 14enne