Lega Marone

Politica

Toma accontenta la Lega e nomina assessore il termolese Michele Marone. Deleghe al Sociale e al Lavoro

Il presidente del Consiglio comunale a Termoli è il quinto assessore regionale (esterno) della Giunta Toma. Il decreto di nomina ufficializzato nel tardo pomeriggio. Marone, esponente del carroccio, 55 anni, è l'uomo su cui il governatore e Matteo Salvini sarebbero riusciti a trovare un'intesa dopo che nei giorni scorsi si era profilato un 'duello' tra i consiglieri comunali di Campobasso Alberto Tramontano e Alessandro Pascale. Marone ottiene le stesse deleghe del suo predecessore Luigi Mazzuto: politiche del lavoro, sociale, famiglia, immigrazione

Salvini e Tramontano

Giochi di potere & giro di boa

Salvini-Toma, trattativa per un posto in Giunta. ‘Sfida’ tra due consiglieri comunali ma la crisi della Lega si aggrava

Alberto Tramontano o Alessandro Pascale: uno dei due esponenti della Lega del capoluogo potrebbe essere nominato al posto di Luigi Mazzuto all'interno della giunta regionale guidata da Donato Toma che questa mattina - 5 giugno - ha incontrato in un riservatissimo summit il leader del partito Matteo Salvini e il commissario Jari Colla. Intanto c'è un nuovo addio tra le fila della Lega: il primo dei non eletti in Consiglio regionale Domenico Ciccarella ha deciso di andar via. "Non mi rispecchio più in questi valori, mi sembrano tanti caproni impazziti assetati di potere"

Salvini a Termoli

Sbornia da mojito

La crisi della Lega comincia in Molise. In Regione nessun eletto, tutti sedotti e abbandonati. Si apre la prima scissione italiana

Veleni e addii nel partito di Matteo Salvini che un anno fa era all'apice del suo successo, ora fuori dalla Giunta regionale dopo che il presidente Toma ha silurato Luigi Mazzuto. La Lega è pure priva di consiglieri nella massima assise regionale. Tra una gestione considerata inadeguata da parte dell'ex assessore e la nomina del commissario che in Molise si è visto poco e niente, si apre la prima diaspora: lascerà il partito un gruppo di tesserati ed ex candidati guidato da Antonio Madonna (uno dei primi dei non eletti a Campobasso), pronto a fondare un nuovo movimento per riunire i dissidenti e non solo.