Luigi Di Maio

M5S Federico Ortis Di Marzio

Veleni a palazzo

Tra addii e tradimenti, M5S lacerato. Di Marzio verso il gruppo misto: “Mai con la Lega”. Federico: “Chi esce, si dimetta”

Quasi due anni dopo le Politiche e il pieno di consensi conquistato in tutta Italia, M5S è sull'orlo di una crisi di nervi. Malpancisti e dissidenti non si nascondono più: ieri l'addio di Pasquale Grassi, ma anche il senatore molisano nonchè direttore (in aspettativa) del Cardarelli sta pensando di mollare Luigi Di Maio. Antonio Federico contrattacca: "Chi non crede più nel progetto, si dimetta".

costituzione

Lo sguardo di assunta domeneghetti

Viva i trasformisti, salvatori della Costituzione

afFondo/15 - Ennesima giravolta del consigliere regionale Massimiliano Scarabeo che aderisce a Fratelli d'Italia: il campione dei cambi di casacca in Molise finisce nell'unico partito che ha accolto la proposta (incostituzionale) di Luigi Di Maio sul vincolo di mandato per i parlamentari. Se da un lato i trasformisti alimentano la rabbia degli elettori, dall'altro dobbiamo ringraziarli perché salvaguardano i principi della Costituzione.

Antonio Federico

Politica

Matteo, Luigi e la crisi di Governo. Federico: “La Lega ci ha ridicolizzato, ma il 5S deve farsi un esame di coscienza”

Il parlamentare campobassano, eletto alle Politiche del 2018, fa un'analisi sulla crisi di Governo: "Durante la campagna elettorale per le Europee e dopo le stesse Europee è diventata sempre più evidente che governare insieme alla Lega fosse diventata una trincea. Ricucire sarà impossibile". Salvini? "Immagino che voglia capitalizzare il consenso". Infine il mea culpa sul Movimento 5 Stelle: "In 14 mesi abbiamo perso la nostra vocazione, ma la croce non si può addossare solo a Di Maio"