consiglio-regionale-30-luglio-2019-155383

Regione molise

Consiglio inutile sulla sanità. Si litiga e alla fine si decide di riconvocare i commissari foto

Al termine di un dibattito fiume la maggioranza converge sulle proposte del Partito democratico di riconvocare i commissari (assenti oggi, 30 luglio) e di istituire una commissione speciale, a costo zero, che avrà il compito di "elaborare un documento condiviso di indirizzo sull'argomento sanità". Ma anche oggi in Aula non sono mancati scambi di accuse tra maggioranza e opposizioni e gli stessi esponenti del centrodestra. Uno dei nodi più intricati riguarda l'accreditamento al Neuromed che fa riferimento ad Aldo Patriciello, un alleato troppo importante per Donato Toma. Ogni anno la Regione paga 44 milioni di euro all'anno per le prestazioni erogate ai pazienti. Invece solo in autunno si conoscerà il nuovo disegno della sanità molisana: per ora il piano operativo 2019-2021, inviato ai Ministeri, è solo una bozza. Delusione tra i comitati.

Incendio casa San Giovannello

Campobasso

Telecamere spente e carenze igieniche, carcere a rischio. Detenuti in sciopero della fame

La casa di reclusione ha gravi carenze igienico-sanitarie, telecamere spente da sei anni, facilità di accesso a pacchi che contengono droga o altri materiali. Dopo la visita del vice presidente del Consiglio regionale Gianluca Cefaratti e del Garante dei diritti della persona Leontina Lanciano si pensa ad un progetto che possa includere le due province e quindi ad un penitenziario “nella zona della piana di Bojano”

Consiglio regionale Molise

Regione

Sanità, Cefaratti ha la ‘soluzione’: “Di Marzio commissario a costo zero e si dimetta dal Senato”

Il consigliere regionale di Orgoglio Molise (centrodestra) torna a parlare della norma sull'incompatibilità tra il ruolo di commissario e quello di presidente di Regione. Il suo suggerimento per superare l'impasse è provocatorio: "Con un semplice emendamento si potrebbe evitare che l'incompatibilità venga estesa a tutti i politici". Il senatore 5 Stelle Luigi Di Marzio è la sua seconda scelta: "E' competente ma dovrebbe farlo a costo zero come farebbe Toma. E se proprio i politici non vanno bene, si dimetta da Palazzo Madama"