Quantcast

federico zeoli

federico zeoli e nanny wally

I fatti di genzano

Caso Zeoli, indagata anche la madre delle bambine: “Le maltrattava e non fermò la violenza”

Chiuse le indagini sui fatti di Genzano accaduti lo scorso anno che hanno portato in carcere Federico Zeoli, 25enne di Vinchiaturo. L’uomo ha ridotto in fin di vita la piccola di 22 mesi figlia della sua compagna Sara Nanny Wally. Maltrattamenti sono stati accertati anche sulle altre due figlie. L’inchiesta si è chiusa con un colpo di scena: dei fatti - per la Procura di Velletri – è colpevole anche la donna

zeoli-federico-146513

Risvolti sconcertanti

Nuovo interrogatorio a Zeoli: la bimba di 22 mesi ha subìto violenze sessuali, ma lui tace foto

Il 25enne di Vinchiaturo si è avvalso della facoltà di non rispondere rispetto alle nuove accuse. Lo difende l’avvocato Silvio Tolesino che laconico replica: “E’ una brutta storia e voglio andarci a fondo. Il mio assistito è reo-confesso per le botte e i maltrattamenti ma sugli abusi voglio vederci chiaro. Esistono troppe anomalie, altri in quella casa non potevano non sapere”

Foto varie

Dramma di genzano

È fuori pericolo la piccola di 22 mesi massacrata dal patrigno

Il bollettino medico dell’ospedale Bambino Gesù di Roma comunica che la bambina pestata da Federico Zeoli, 25 enne di Vinchiaturo, nella sua casa di Genzano, è uscita dal reparto di terapia intensiva e non è giudicata più in pericolo di vita. Rimane ricoverata e sotto stretta osservazione per valutare anche eventuali danni neurologici

Foto varie

Il dramma di genzano

Bimba massacrata di botte, Zeoli sotto accusa dal pm: “Non è stato un raptus”

Convalidato l'arresto del 25enne di Vinchiaturo che resta rinchiuso nel carcere di Velletri. Al gip ha detto: "L’ho picchiata, ma una volta sola". Una versione che non convince chi indaga. Il sospetto è che in realtà la piccola di 22 mesi, sia stata picchiata altre volte in passato, così come - ed è la novità delle indagini - la gemellina e la sorellina più grande