Armandino D'Egidio

trabucco mare termoli

Turismo a picco sul mare

Trabucchi, qualcosa si muove: il Molise prova a seguire l’Abruzzo per costruirli e farne ristoranti

Approvata in terza commissione dopo la relazione del presidente Armandino D'Egidio e della vice Aida Romagnuolo, la norma deve solo superare l'approvazione dell'assise regionale. Sono previste sei nuove strutture che non dovranno superare gli 80 metri quadrati di superficie. E per il futuro non si esclude un gemellaggio con la costa abruzzese resa famosa proprio dai cosiddetti "ragni colossali"

acquedotto-molisano-centrale-134542

Crisi idriche

La beffa dell’acqua molisana ‘regalata’ a Puglia e Campania mentre in decine di paesi si boccheggia

L'insufficiente approvvigionamento idrico continua a provocare disagi in diversi centri della nostra regione: stasera potrebbe restare a secco anche Guglionesi a causa della rottura della pompa di sollevamento dell'impianto del Liscione. Intanto la 'svendita' delle risorse idriche diventa terreno di scontro politico all'interno della coalizione di centrodestra. Il consigliere regionale di Forza Italia Armandino D'Egidio rilancia: "Ci sono comuni che, pur essendo “adagiati” sulla sorgente, hanno ancora dei problemi di carenza idrica. Prima di tutto deve essere pienamente soddisfatto il territorio molisano e i suoi abitanti".

Michele Marone consiglio regionale sfiducia 7 luglio 2020

Dibattito in consiglio regionale

Sfiducia, i dissidenti chiedono cambio di passo ma salveranno Toma: “Impensabile una crisi”

E' iniziato intorno alle 10 di questa mattina - 7 luglio - il dibattito in Aula sulla mozione di sfiducia il cui esito sembra già scritto, con la probabile epurazione di Marone, presente in aula. Alla fine, alla luce degli impegni presi da Toma nel conclave di ieri sera, anche gli esponenti più critici della maggioranza riconoscono: "Abbiamo l'urgenza di risolvere problemi, non di tornare alle elezioni". M5S e Pd invece rilanciano: "Mancano visione e programmazione, il Molise sarà incapace di uscire dalla crisi economica"

Toma

Crisi politica verso soluzione

L’assessore Marone ha le ore contate. Toma accontenta i dissidenti per evitare la sfiducia: “Mi impegno a rivedere la Giunta”

Donato Toma ha deciso di accontentare le richieste dei dissidenti e di rivedere l'assetto del suo esecutivo entro questa settimana. Aida Romagnuolo dovrebbe entrare al posto di Marone. Prima il Governatore vuole essere sicuro di andare avanti col governo, e aspetta che gli esponenti della sua coalizione votino no alla mozione di sfiducia presentata dal Movimento 5 Stelle e dal Pd, in discussione in Aula domani 7 luglio. L'importante novità è emersa al termine della riunione che si è svolta questo pomeriggio.