Quantcast

Castel San Vincenzo

abbazia san vincenzo al volturno ph Mibact

Il molise esiste ma non si fa vedere

San Vincenzo al Volturno, manca il personale e l’area è aperta solo nei festivi. E per visitare il gioiello della Cripta si paga ‘dazio’ all’Abate

Questa è la storia di uno dei siti archeologici più belli del Molise, il complesso monumentale che ospita la celeberrima Abbazia, ostaggio suo malgrado (e a suo discapito) di una congerie di contraddizioni finita nelle scorse ore sotto la lente della senatrice Margherita Corrado (archeologa e membro della Commissione sui beni culturali). Ma per primo è stato il professor Marazzi, direttore scientifico degli scavi sin dai primi anni ’90, a puntare il dito contro quella che definisce una gestione ‘bizzarra’, 'intollerabile' e ‘deleteria’ del parco, che rischia di allontanare i visitatori anziché indurli a godere di questo patrimonio di bellezza. Ma forse San Vincenzo non è che il simbolo – il più evidente – di come vanno le cose in tutta la regione che proprio oggi ha presentato, in grande stile, il portale VisitMolise.eu