Di Brino sul Macte: “Prima i termolesi”