Lo spettacolo pirotecnico

Termoli ritorna ai ‘vecchi’ fasti con l’incendio del Castello, ma il mix fuochi/led divide – LE FOTO

L’ultimo Incendio del Castello per Termoli risaliva al 2019 e in tanti attendevano il ritorno dello spettacolo pirotecnico simbolo della cittadina adriatica. E spettacolo è stato anche se non tutti hanno gradito, specie per l’introduzione nella ‘tradizione’ di elementi di novità quali le luci a led (a formare scritte e disegni) che hanno fatto capolino sul muraglione accompagnando i consueti fuochi d’artificio. I testi proiettati all’inizio sulle mura di cinta hanno voluto veicolare messaggi contro la guerra e di invito a lasciare un mondo migliore alle nuove generazioni.

Pareri discordi anche sulla musica, forse – scrive qualcuno sui social – perchè la gente non sapeva che si trattava di uno spettacolo piromusicale. Fatto sta che per taluni “la musica era un tantino alta”, per talaltri – probabilmente a distanza maggiore dal borgo – si è trattato di un “noioso spettacolo muto”.

Insomma, non c’è – ma questa non è una novità – unanimità nel giudizio sui ‘fuochi’ che per molti non sono stati minimamente paragonabili a quelli del 4 agosto – giudicati bellissimi – che hanno chiuso i festeggiamenti per il Santo Patrono. Ma tant’è, a ognuno il suo (parere). Altri hanno apprezzato il ‘nuovo’ spettacolo, definito “fantastico”, altri ancora ne hanno criticato la durata, “troppo breve”.

Senza polemiche, ricordiamo a tutti che i tempi cambiano e che l‘inquinamento – vero male dei nostri giorni – impone anche l’utilizzo di alternative a impatto zero.

Intanto vi invitiamo a ri-ammirare, magari con occhi nuovi, lo spettacolo di ieri tramite le splendide foto di Nicola Cappella, che ringraziamo ancora una volta.

 

commenta