Quantcast
Termoli

Trasporto neonati fermo, mancano i ginecologi al San Timoteo

Con una lettera il direttore facente funzione Molinari ha informato i vertici sanitari della impossibilità di garantire il trasporto Stam a Campobasso

È stato interrotto per mancanza di medici il servizio di trasporto neonatale dall’ospedale San Timoteo di Termoli al Cardarelli di Campobasso, dove è presente il reparto di neonatologia.

Era già accaduto altre volte e il problema si è riproposto perché dei 7 medici in servizio a Termoli sono effettivi, in questi giorni, soltanto 3 a causa di infortuni e impegni professionali presso altre sedi. Un numero che non consente di garantire in sicurezza la funzionalità del reparto e contestualmente l’eventuale emergenza del trasporto Stam. Qualche mese fa un problema simile si era presentato per carenza di ostetriche

“A seguito di una ulteriore riduzione del personale medico, causa infortunio, non è possibile garantire la presenza in ambulanza del ginecologo in caso di trasporto materno, per cui potendosi verificare l’evenienza che la sola presenza dell’ostetrica non sia sufficiente, si è costretti a sospendere il servizio Stam, con decorrenza immediata e sino al ripristino di un congruo numero di ginecologi in servizi”.

È il contenuto della lettera inviata ieri dal direttore dell’unità operativa complessa facente funzioni di Ginecologia e Ostetricia all’ospedale San Timoteo di Termoli, Dino Molinari, al direttore sanitario Evelina Gollo, al direttore sanitario di Termoli Raimondo Petrocelli, al facente funzioni del Pronto soccorso Antonio Sorella e al direttore del 118, Adriana Ricciardi, per disporre l’interruzione del servizio Stam in reparto.

commenta