Quantcast
La legge di stabilità al vaglio dell'assise

Terzo giorno maratona Bilancio, ok alla stabilizzazione dei precari della Protezione civile

La Legge di Stabilità all'esame del Consiglio regionale: prevista l'istituzione della scuola di protezione civile e definita la chiusura della Sviluppo della Montagna Molisana. Questa mattina approvati gli emendamenti che rivoluzionano la rendicontazione delle società che si occupano del trasporto pubblico su gomma. Anche Pd e M5S votano col centrodestra, si astengono Iorio e Romagnuolo.

E’ iniziata nella tarda serata di ieri, con la relazione del presidente della Prima Commissione Andrea Di Lucente, ed è proseguita questa mattina l’esame della “Legge di stabilità regionale per l’anno 2022”. Dopo l’approvazione di cinque ordini del giorno collegati alla Legge di Stabilità, e la discussione di alcuni articoli ed emendamenti al testo, questa mattina (13 maggio) l’assise regionale si è riunita nel terzo giorno dedicato alla maratona sul bilancio.

 

LEGGE DI STABILITA’: +250MILA EURO PER SVILUPPO MOLISE

Costa di 8 articoli e due allegati. La proposta di legge prevede 250mila euro aggiuntivi per la società Sviluppo Molise spa che “è riuscito anche nel periodo dell’emergenza covid a completare le attività istruttorie della stessa e consentire in tempi ristretti l’effettiva erogazione degli aiuti da parte della Regione al tessuto produttivo regionale. Tale impegno ha comportato ulteriori costi di funzionamento della società stimati in 500.000 euro”. Al tempo stesso nella Legge di Stabilità viene decretata la chiusura della società Sviluppo della Montagna Molisana e per tale finalità vengono stanziati altri 100mila euro. La società è stata sciolta e messa in liquidazione “in considerazione delle gestioni pregresse e della conclamata impossibilità gestionale”, ha spiegato Di Lucente.

Il provvedimento include il piano di valorizzazione e alienazione immobiliari, oltre a disciplinare all’articolo 8 la modalità di richiesta di rimborso della tassa automobilistica regionale nell’ipotesi di furto del veicolo ed esentando dal pagamento della tassa automobilistica regionale i disabili.

ISTITUITA LA SCUOLA DI FORMAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

La Regione istituisce la Scuola regionale di formazione della Protezione civile per le attività formative del volontariato e degli operatori istituzionalmente impegnati. La Scuola si occuperà anche di promuovere iniziative di sensibilizzazione, l’aggiornamento professionale nonché una definizione degli standard formativi in materia di Protezione civile sulla base delle indicazioni impartite dalla presidenza del Consiglio dei Ministri tramite il Dipartimento della Protezione civile. La Scuola potrà stipulare poi convenzioni con enti e istituzioni formative accreditate, gestirà il rilascio degli attestati di specializzazione e potrà promuovere attività di sensibilizzazione ed educazione civica sulle tematiche di protezione civile mediante convenzioni con gli organi di informazione e con il sistema scolastico e universitario. Infine, in accordo con le altre amministrazioni ed enti pubblici e privati, potrà svolgere progetti pilota per sperimentare nuove metodologie di partecipazione attiva dei cittadini alle attività di protezione civile.

CAMBIANO REGOLE SUL TRASPORTO

Questa mattina in avvio dei lavori sono stati approvati alcuni emendamenti alla Legge di Stabilità a firma del presidente Donato Toma e illustrati in Aula dall’assessore Quintino Pallante che vanno ad incidere profondamente sulle regole del trasporto pubblico.  Tra le novità il nuovo riparto “affidato alla Giunta regionale e che considera per il riparto stesso i chilometri percorsi, il numero abitanti, la densità abitativa e l’utenza”. La Regione potrà poi verificare l’ammontare complessivo degli incassi. “Viene introdotta la certificazione: le omissioni determineranno il mancato pagamento” del servizio svolto dalle società concessionarie del trasporto su gomma per conto della Regione. “La mancata certificazione – aggiunge l’assessore Pallante – determina la contestazione del documento contabile e quindi il mancato pagamento”. L’obiettivo è favorire “la trasparenza” nel conteggio dell’effettivo contributo dei viaggiatori paganti.

Introdotto inoltre un limite del 7% sui chilometri aggiuntivi: “La Regione ne aveva perso i controllo: per decenni erano stati determinati chilometri aggiuntivi a go go. Ora le corse aggiuntive passano nelle mani della governance regionale e non più dei concessionari”. Inoltre cambiano  “i chilometri da gestire in flessibilità: da un milione e mezzo diventano circa 700 chilometri”.

Seppur considerati tardivi, Pd e M5S votano a favore degli emendamenti che rivoluzionano la rendicontazione per le società di trasporto. Il ‘pacchetto’ viene approvato 19 sì con astensione di Iorio e Aida Romagnuolo.

Nuove regole per trasporto pubblico, M5S: “Un argine alle lobby”

CINGHIALI, BOCCIATO EMENDAMENTO PD

Il centrodestra boccia un emendamento presentato dal Pd per arginare l’emergenza cinghiali con 3 milioni sul bilancio regionale. Non è d’accordo l’assessore all’Agricoltura Nicola Cavaliere che si sta occupando dalla questione. “Questo esecutivo – ha rivendicato – ha finanziato per il risarcimento danni 4 milioni e 200mila euro dal 2018 al 2022. Zero euro erano stati stanziati dal 2013 al 2018. Ci stiamo sobbarcando i danni dal 2013 al 2022, oltre ai decreti ingiuntivi degli studi legali. I piani di controllo del 2017 non sono mai stati messi in piedi, noi lo abbiamo fatto”.

DIBATTITO IN CORSO NEL POMERIGGIO

E’ ripreso nel pomeriggio il dibattito sugli emendamenti presentati alla Legge di Stabilità. L’Aula ha approvato l’emendamento del Movimento 5 Stelle illustrato da Angelo Primiani e in base al quale è necessaria una copertura finanziaria triennale per approvare una legge. “La Giunta non mettendo risorse, di fatto, limita l’iniziativa legislativa”, ha argomentato il consigliere regionale. “Con questo emendamento abbiamo messo una piccola somma per finanziare le leggi attualmente bloccate nelle commissioni”.

OK ALL’EMENDAMENTO PER STABILIZZARE I PRECARI DELLA PROTEZIONE CIVILE

Approvato anche l’emendamento proposto dagli esponenti del centrodestra Andrea Di Lucente, Salvatore Micone e Armandino D’Egidio per la stabilizzazione degli operatori della sala della protezione civile regionale precari da 20 anni. La proposta, passata con 15 sì (voto favorevole anche dal Pd, M5S si è astenuto) prevede che la Giunta svolga ogni azione utile per valorizzare la specifica professionalità di questi lavoratori. Si tratta di persone che “ormai hanno 50-60 anni e che sono sempre in prima linea quando ci sono emergenze. Durante il periodo della pandemia hanno supportato le persone, distribuito mascherine, aiutato gli operatori sanitari. Per non parlare di situazioni altrettanto difficili come terremoti o alluvioni. Sono anche quelli che supportano i Comuni nelle allerte meteo, monitorano costantemente i pericoli”, hanno spiegato i tre consiglieri firmatari dell’emendamento. “Non era possibile continuare a mortificare in questo modo lavoratori
altamente specializzati, condannandoli ad un precariato infinito, come se quasi vent’anni di questa storia non fossero sufficienti” . I lavoratori della Protezione Civile erano stati reclutati all’inizio del Duemila con una selezione decisa a livello nazionale attraverso la quale si derogava alla normale procedura (cioè il concorso). Il motivo era legato alla particolare situazione emergenziale che in quel momento l’Italia si trovava a gestire. Da allora, di rinnovo in rinnovo, sono rimasti tra i precari storici dell’ente di via Genova.

 

 

leggi anche
Campobasso terminal autobus
Dopo il voto in consiglio regionale
Nuove regole per trasporto pubblico, M5S: “Un argine alle lobby”
consiglio regionale 13 maggio 2022 foto facebook
Consiglio regionale
Bilancio, ultimo atto: la maggioranza si rimette in riga e approva Legge di Stabilità con 11 voti
Consiglio regionale bilancio 26 aprile 2021 Toma Niro Romagnuolo Iorio
Conclusa la maratona bilancio
Il centrodestra approva il Bilancio di previsione 2022-2024: soldi anche sul ‘Fondo bond’
commenta