Campobasso

Artista nazional popolare o di nicchia? Le scelte dei consiglieri sul ‘concertone’: Gianni Morandi e Vasco Rossi i più gettonatisondaggio

Mentre sono in atto le trattative per preparare il cartellone delle iniziative che si svolgeranno in città, abbiamo chiesto ai consiglieri comunali le loro preferenze sull'artista che dovrebbe esibirsi nel concerto che chiude la festa. Il sindaco Gravina ironizza: "Mi piacerebbero i Pink Floyd", mentre gli assessori Cretella e Panichella vorrebbero Vasco sul palco. Più originali le proposte di Giannantonio e Falasca: il primo opterebbe per Michael Kiwanuka, la seconda per il duo molisano Lapingra. Trivisonno e Chierchia (Pd) propongono Fabri Fibra e Jovanotti. E voi lettori chi sognate sul palco? Rispondete al nostro sondaggio

Manca esattamente un mese al Corpus Domini e a Palazzo San Giorgio sono in corso le trattative per allestire il cartellone con tutte le iniziative in programma nel fine settimana che avrà in domenica 19 giugno il clou: la sfilata dei Misteri al mattino, il ‘concertone’ che chiude la festa in serata. Dai primi rumors, di cui vi abbiamo riferito ieri, si parla di contatti con Litfiba e Mario Biondi. In calo le quotazioni di Noemi e Fabrizio Moro che inizieranno a girare l’Italia a luglio. Il complicherebbe l’eventuale esibizione nel capoluogo, come ha fatto più o meno intendere anche l’assessore alla Cultura e al Commercio Paola Felice nell’ultima commissione consiliare. “Una discriminante nella scelta dell’artista sarà l’inizio dei tour a luglio”, le sue parole.

Ma se fossero gli eletti a dover scegliere senza tener conto dei limiti di budget, chi dovrebbe salire sul palco del ‘concertone’? Abbiamo raccolto le loro risposte, che in alcuni casi sono state anche sorprendenti. Per qualcuno non ci sono dubbi: sul palco vedrebbero bene i cantautori classici della musica nazionalpopolare italiana (Gianni Morandi ad esempio è tra i più gettonati), mentre altri – soprattutto tra gli esponenti pentastellati – propongono scelte più originali come Michael Kiwanuka e Lapingra.

Corpus Domini, primi nomi per il ‘concertone’: in ballo Litfiba e Mario Biondi

 

LE PREFERENZE DELLA MAGGIORANZA

Scherza il sindaco Roberto Gravina che pure ci svela i suoi gusti musicali dicendo che vorrebbe sul palco i Pink Floid “che verranno a cantare”. Più ingessata la risposta dell’assessore al Bilancio Pina Panichella: “È difficile fare un nome considerando che sono i cittadini a pagare questo concerto la scelta dovrebbe accontentare tutte le fasce d’età e sinceramente ritengo che sia brutto anche dover limitare l’ingresso a pochi spendendo tanto denaro. Ma se proprio un nome devo farlo il mio sogno sarebbe Vasco Rossi (ma mi accontenterei anche di Mannarino)”. Sui palchi di tutto il globo dal 1969 i King Crimson sono la scelta dell’assessore all’Ambiente Simone Cretella che non disdegnerebbe neppure Roger Waters (è stato cofondatore dei Pink Floyd) o quella che lui stesso definisce “scelta nazionale”: Vasco Rossi. L’assessore alle Politiche sociali Luca Praitano vorrebbe Mahmood e Blanco, ossia i vincitori dell’ultimo Sanremo “perché mi piacerebbe accontentare i ragazzi e comunque non escluderei altre generazioni che li hanno apprezzati a febbraio”.

Michael Kiwanuka (talentuoso cantante britannico considerato il nuovo ‘re’ del soul) è la scelta di Nicola Giannatonio, consigliere comunale M5S nonchè presidente della commissione cultura nella quale in questi giorni si sta discutendo del cartellone di Corpus Domini. Sogna un concerto di Ed Sheeran la consigliera Elena Porchetti, mentre la collega Giovanna Falasca sceglierebbe Lapingra, il duo molisano composto da Paolo Testa e Angela Tomassone. “Sarebbe un binomio di Molise e modernità che è inedito”, spiega.

Preferisce non esprimersi Pio Bartolomeo “non per ragioni ‘politiche’ – puntualizza – ma semplicemente perché sono totalmente disinteressato da questioni ‘musicali'”.

LE SCELTE DELLA MINORANZA

Fabri Fibra, Gianna Nannini e Zucchero Fornaciari: lancia una terza di nomi il capogruppo del Pd Giose Trivisonno. A suo dire, poi, l’evento dovrebbe svolgersi in centro come da tradizione. Invece la collega Bibiana Chierchia non ha dubbi: “Jovanotti prima del suo Beach Tour perché è uno degli artisti italiani che abbraccia e nuove ogni corpo ed ogni cuore, anche i più chiusi e più dolenti. Perché è uno degli artisti che usa tantissimo il “noi” e assai meno l'”io”. Il luogo ideale del concerto? Stadio o zona industriale”.

Elisa, Vasco Rossi, Negramaro o Antonello Venditti: questo il ventaglio di opzioni su cui si orienta Alessandra Salvatore (PD).

Invece l’ex assessore al Commercio Salvatore Colagiovanni punterebbe su un artista storico della musica italiana come Gianni Morandi. Il cantante di ‘In ginocchio da te’ e di altri storici brani che sono un pezzo di storia del Belpaese è gradito anche a Mario Annuario e ad Alberto Tramontano. Tuttavia, per Annuario si potrebbe optare anche per una artista come Alessandra Amoroso, “l’importante è che il concerto si svolga il centro – puntualizza – altrimenti lo spostamento nel parcheggio dello stadio penalizzerebbe i commercianti del centro”. Invece il capogruppo della Lega lancia anche le proposte di Toto Cutugno, Albano, Raf e Tozzi (questi ultimi insieme sul palco).

Diversa l’opinione di Mimmo Esposito (Forza Italia): “Per quest’anno abolirei il mega concerto, con i suoi mega assembramenti e necessaria delocalizzazione dal centro e organizzerei tanti eventi sparsi per la città, come vero segno di ripartenza”. Anche Massimo Sabusco, ex assessore al Bilancio ed esponente del movimento ‘E’ ora’, vorrebbe un Corpus Domini più sobrio e di basso profilo “con un limite al budget visto il periodo difficile che attraversano le famiglie campobassane”. Gli artisti? “Locali, possibilmente molisani da far esibire in più punti della città”.

LA LOCATION

Domani (20 maggio) se ne saprà di più al termine della doppia riunione in Prefettura, ma attualmente l’ago della bilancia sembra pendere sull’area antistante la scuola media ‘Francesco D’Ovidio’.  “Piazza della Repubblica a mio avviso non è adatta e non funziona”, ha dichiarato l’assessore Paola Felice in commissione. “Si potrebbe scegliere un luogo fuori dal centro città e organizzare un’animazione dedicata per chi resta in centro”.

(in foto, il concerto di ‘The Kolors’ ospiti dell’edizione 2018 in piazza della Repubblica)

Sondaggio

Corpus Domini di Campobasso, quale artista ti piacerebbe per il 'concertone'?

Vedi tutti i risultati

Loading ... Loading ...
leggi anche
Il fotoracconto dei Misteri
L'evento
Corpus Domini, 250mila euro di budget. Concerto allo stadio o in piazza della Repubblica
collage concertone Mario biondi litfiba
Campobasso
Corpus Domini, primi nomi per il ‘concertone’: in ballo Litfiba e Mario Biondi
commenta