Quantcast
Sguardo al passato e al futuro

Larino torna a vivere la sua Carrese dei fiori, in migliaia per la festività di San Pardo. “Bene immateriale del Molise”

“Rinnovare al presente la nostra festa patronale è ricordare il passato ma soprattutto è fissare lo sguardo al futuro perchè la nostra festa meravigliosa riceva sempre più le attenzioni che merita”, così l'Amministrazione di Larino, cittadina che oggi ha vissuto il suo giorno più importante dell'anno

A Larino è tornata tutta l’emozione legata al rinnovarsi della tradizione con la sua esplosiva bellezza di colori, luci, suoni. San Pardo, la carrese adornata di fiori, quest’anno ha potuto tornare a celebrarsi con tutti i suoi riti e con migliaia di persone a parteciparvi.

“Rinnovare al presente la nostra festa patronale è ricordare il passato ma soprattutto è fissare lo sguardo al futuro perchè la nostra festa meravigliosa riceva sempre più le attenzioni che merita”, così sul proprio canale social l’amministrazione comunale nell’augurare a tutti – larinesi vicini e lontani, carrieri e loro famiglie nonché turisti – un buon San Pardo.

Ricorre infatti oggi la solennità, festa patronale di Larino e della Diocesi, le cui celebrazioni religiose e ricreative proseguiranno fino al 28 maggio. Un appuntamento che racconta una storia millenaria e che ogni anno ripropone, stupefacente ogni volta, la bellezza di questa tradizione molisana.

Le celebrazioni del 2022 erano particolarmente attese, specie dopo i due anni di pandemia che hanno imposto giocoforza restrizioni alla manifestazione che vede nella giornata del 26 maggio la sua sfilata più importante. 120 carri trainati da buoi e vacche impreziositi da infiorate fatte di cartapesta, frutto di un lavoro lungo e certosino che in questi giorni di festività si mostra in tutto il suo impareggiabile fascino.

San Pardo 2022
San Pardo 2022
San Pardo 2022

Per l’occasione a Larino sono giunti in tantissimi, e tantissimi sono stati anche gli amministratori locali (sindaci, non solo del Basso Molise) nonché il Governatore Donato Toma e l’assessore al Turismo Vincenzo Cotugno. Così il Presidente della Regione ha parlato dell’incantevole Carrese dei fiori. “A Larino, in occasione della Solennità di San Pardo, sono tornati a sfilare i carri infiorati trainati dai buoi, dopo due anni consecutivi di stop forzato imposto dall’emergenza pandemica. Uno dei più belli e suggestivi beni immateriali del territorio, intorno al quale si è raccolta la comunità larinese con grande partecipazione. Ogni carro viene addobbato con composizioni floreali costruite artigianalmente con l’utilizzo di carta crespa”.

San Pardo 2022

Questa mattina, presso l’atrio porticato del Palazzo Ducale, sede del Municipio frentano, il sindaco della città Giuseppe Puchetti ha accolto le autorità civili e militari intervenute, fra le quali appunto il presidente della Regione Molise.

San Pardo 2022
San Pardo 2022
San Pardo 2022

A seguire, presso la basilica concattedrale si è tenuta la Celebrazione Eucaristica, presieduta dal vescovo della Diocesi di Termoli-Larino monsignor Gianfranco De Luca, al termine della quale ha avuto inizio la processione dei Santi e dei carri che ha percorso le vie del centro storico in una cornice di colori e di festa. E di emozione ritrovata.

San Pardo 2022

Ricordiamo l’appuntamento nell’appuntamento: la mostra del Maestro della fotografia Paolo Di Paolo.

leggi anche
puchetti di paolo mostra i fiori di san pardo
L'infiorata più bella
I Fiori di San Pardo nei magici scatti di Paolo Di Paolo. L’omaggio del Maestro per il gran ritorno della festa di Larino
commenta